Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.161,89
    -594,32 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Piazza Affari debole, tornano i timori per la pandemia. Poste corre ancora, Unipol la segue dopo i conti

·1 minuto per la lettura

Piazza Affari si muove poco sotto la parità, proseguendo la debolezza di ieri, dopo i forti rialzi della prima parte della settimana e in generale da un balzo record del 17% nelle prime otto sedute del mese. Dopo l'avvio in calo l'indice Ftse Mib segna un -0,06% in area 20.806 punti. Archiviate le elezioni presidenziali Usa e la notizia del vaccino anti-Covid, i mercati tornano a guardare all'evoluzione della pandemia e all'impatto sull'economia. Oggi sono attesi il Pil e la bilancia commerciale dell'Eurozona, mentre dagli Stati Uniti giungerà la fiducia dei consumatori. Tra i titoli del paniere principale di Piazza Affari, si muove in controtendenza Unipol con un rialzo di circa 1 punto percentuale in scia ai conti diffusi oggi. Ma in testa al Ftse Mib corre ancora Poste Italiane che, dopo il +3% di ieri nel giorno dei conti, oggi prosegue i guadagni salendo del 2% in area 8,42 euro. Sul fronte opposto, invece, cade sul fondo del listino Atlantia con una flessione del 2,6%, continuando così la sua discesa a causa della notizia relativa all'arresto di ex tre dirigenti della controllata Autostrade (incluso l'ex AD Giovanni Castellucci) e alle misure interdittive scattate contro tre attuali dirigenti, sempre di Autostrade.