Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.267,97
    -124,75 (-0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Piazza Affari e Borse europee verso avvio piatto: agenda macro affollata, spiccano Zew e inflazione Usa

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari e le principali Borse europee si avviano verso un'apertura poco mossa, in attesa dei numerosi dati macroeconomici chiave attesi nel corso della seduta e dell'avvio della stagione degli utili societari. Una giornata che riparte nel Vecchio continente dalla positiva chiusura del Nikkei che ha mandato in archivio la seduta in rialzo dello 0,72% a 29.751,6 punti. Tra i dati da annotarsi in agenda oggi la produzione industriale in Italia ma soprattutto l'indice tedesco Zew che potrebbe mostrare segnali di miglioramento e il dato sull'inflazione americana. Intanto prima dell'avvio delle contrattazioni in Europa sono arrivati gli aggiornamenti dalla bilancia commerciale cinese. Nel mese di marzo le esportazioni della Cina sono balzate su base annua del 30,6% in termini di dollari, deludendo tuttavia le stime degli analisti, che erano per un balzo del 35,5%. Le importazioni sono avanzate del 38,1% su base annua, molto più del +23,3% stimato dal consensus. Sotto la lente anche le indicazioni in arrivo da Oltremanica con la produzione industriale britannica che ha mostrato a febbraio una crescita mensile dell'1% contro il -1,8% della passata rilevazione (dato rivisto da -1,5%). Su base annua il dato ha registrato una flessione del 3,5% in recupero rispetto al -4,3% della precedente lettura (dato rivisto da -3,9%). Il consensus Bloomberg si attendeva una crescita mensile dello 0,5% e una contrazione annua del 4,5 per cento. E in vista dell'avvio della stagione degli utili negli Stati Uniti, con le big bank in primo piano nei prossimi giorni, per l'Europa arrivano i numeri del colosso del lusso francese Lvmh che comunicherà i conti a mercati chiusi.