Italia markets close in 2 hours 7 minutes
  • FTSE MIB

    23.958,01
    -130,64 (-0,54%)
     
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    60,93
    -1,74 (-2,78%)
     
  • BTC-EUR

    46.169,05
    -701,86 (-1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.273,70
    +39,28 (+3,18%)
     
  • Oro

    1.784,70
    +6,30 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,2012
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.954,89
    +14,43 (+0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8640
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,1023
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5169
    -0,0001 (-0,01%)
     

Piazza Affari e Borse europee previste poco mosse in avvio tra speranze ripresa e timori inflazione

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari e le principali Borse europee sono attese poco mosse in avvio, dopo una settimana di guadagni. Gli investitori si muovono contrastati tra le speranze per la ripresa economica mondiale, dopo gli incoraggianti dati giunti dalla Cina, e i timori sull'inflazione, con la rimonta dei rendimenti obbligazionari. Market mover cruciale di questa settimana, per l'intero azionario globale, sarà il meeting del Fomc, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve, che si riunirà nei giorni di martedì 16 e mercoledì 17, per poi comunicare la decisione sui tassi mercoledì. Alcuni analisti prevedono che il presidente della Fed Jerome Powell & Co rivedranno al rialzo l'outlook sul Pil Usa a seguito del bazooka fiscale da $1,9 trilioni firmato dal presidente americano Joe Biden, la scorsa settimana. Intanto questa mattina sono arrivate alcune indicazioni incoraggianti sulla Cina, che dimostrano come il paese si sia lasciato la crisi sanitaria alle spalle. La produzione industriale, nei mesi di gennaio e febbraio, è balzata del +35,1% su base annua, oltre il +30% atteso dal consensus. Il trend si spiega con i numeri pessimi dello stesso dato nel periodo gennaio-febbraio del 2020, quando la Cina ha sperimentato per prima, rispetto al resto del mondo, gli effetti devastanti sull'economia della pandemia del coronavirus. Idem per le vendite al dettaglio, che nei due mesi di gennaio e febbraio, sono volate del +33,8% su base annua, rispetto al +32% atteso dal consensus.