Italia Markets close in 5 hrs 56 mins

Piazza Affari e Borse europee dovrebbero ampliare i rialzi in avvio

Valeria Panigada

Piazza Affari e le Borse europee dovrebbero ampliare i rialzi, aprendo la seduta odierna in territorio positivo sui segnali in arrivo da Stati Uniti e Iran che fanno intendere la mancanza della volontà di innescare un'escalation delle tensioni. Ieri l'indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso di quasi mezzo punto percentuale a quota 23.832 punti. La tenuta dei mercati indica quindi la convinzione degli operatori che non si arriverà a uno scontro diretto fra i due paesi.

Lo stesso presidente americano Donald Trump ha calmato le acque facendo sapere che "nessun americano è stato ferito nel corso del raid", contrariamente a quanto ha affermato la stampa iraniana, che ha parlato di 80 terroristi americani uccisi, e che il "danno è stato minimo". A suo avviso, Teheran starebbe abbassando inoltre per prima i toni, cosa che lui stesso, sembra, sarebbe disponibile a fare, visto che "Abbiamo missili, non c'è bisogno di usarli" e che "Gli Stati Uniti sono pronti alla pace con qualsiasi paese la cerchi". Reazione molto positiva da parte dei listini asiatici, con Tokyo che questa mattina ha terminato in rialzo del 2,31%. Nella notte, due razzi Katyusha sono caduti tuttavia nella Green Zone di Baghdad, dove ci sono diverse ambasciate tra quella americana. Nessuna vittima, stando a quanto riportano i media principali.

Mentre l'attenzione degli investitori è rivolta allo scenario internazionale, nel corso della giornata giungeranno alcune indicazioni macro. In particolare, la disoccupazione in Italia ed Eurozona, oltre che le nuove richieste settimanali di sussidi per la disoccupazione negli Stati Uniti. In Italia si guarda alla Camera dove anche oggi proseguono le audizioni sulla Popolare di Bari, con Consob e Bankitalia. Tra i titoli di Piazza Affari, da monitorare Atlantia con la questione ancora aperta della revoca delle concessioni. Attenzione anche ad Amplifon che questa mattina ha annunciato una importante acquisizione in Australia.