Italia markets close in 2 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    24.337,51
    -115,42 (-0,47%)
     
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • Petrolio

    64,71
    -1,37 (-2,07%)
     
  • BTC-EUR

    41.479,95
    -5.395,95 (-11,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.357,90
    -205,93 (-13,17%)
     
  • Oro

    1.816,60
    -6,20 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,2092
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,43
    +1,37 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0020 (+0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0964
    -0,0004 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4660
    +0,0018 (+0,12%)
     

Piazza Affari e Borse europee attese sulla parità in avvio. I temi da seguire oggi

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Si prevede un avvio di seduta sulla parità per Piazza Affari e le Borse europee, nonostante i nuovi record dell'indice S&P500 e del Nasdaq a Wall Street ieri sera. Tuttavia i listini asiatici si sono mossi in territorio negativo questa mattina, con Tokyo che ha terminato in calo di circa mezzo punto percentuale (Nikkei -0,46%). La cautela sembra prevalere in vista della riunione della Federal Reserve, in agenda domani, e di una pioggia di trimestrali societarie a Wall Street (ma anche in Europa), tra cui spiccano Alphabet e Microsoft. I mercati continuano inoltre a monitorare l'evoluzione della situazione sanitaria in India, dove i contagi hanno toccato livelli senza precedenti e il sistema sanitario è al collasso, tanto da promuovere la mobilitazione internazionale per affrontare la nuova ondata di epidemia di coronavirus. La seduta sarà animata da alcune indicazioni macro, tra cui spiccano vari indici di fiducia per l'Italia e la fiducia dei consumatori per gli Stati Uniti. Intanto questa mattina, la BOJ (Bank of Japan) guidata da Haruhiko Kuroda ha annunciato di aver lasciato invariati i tassi di interesse e i propri strumenti di politica monetaria accomodante, rivedendo tuttavia le stime sull'inflazione core dell'anno fiscale 2021 al ribasso, dal +0,5% atteso nel mese di gennaio al +0,1%. La banca centrale del Giappone prevede poi un'inflazione core (misurata dall'indice dei prezzi al consumo) allo 0,8% nel 2022 e all'1% nell'anno fiscale 2023. (rispetto al target del 2% prefissato).