Italia markets open in 1 hour 41 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.670,46
    +103,42 (+0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1851
    +0,0022 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    10.324,36
    +976,97 (+10,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    245,76
    +6,85 (+2,87%)
     
  • HANG SENG

    24.761,82
    +192,28 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Piazza Affari e Borse europee previste in moderato rialzo in avvio. I temi da seguire

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari e le Borse europee dovrebbero aprire la seduta sopra la parità, in un tentativo di rimbalzo dopo i cali della vigilia (ieri il Ftse Mib ha chiuso in calo del 2,77% a 19.065 punti). Gli operatori cercano di guardare alle notizie in arrivo dal fronte societario, per lasciarsi alle spalle un contesto ancora incerto. Da una parte la pandemia che ha costretto diversi paesi in Europa ad adottare nuove restrizioni, che potrebbero soffocare la ripresa economica. Dall'altra l'impasse sulle trattative riguardanti il piano di stimolo negli Stati Uniti. Il presidente Donald Trump si è detto pronto a rilanciare a 1,8 trilioni di dollari l'importo totale del piano di sostegno economico previsto a fronte della crisi dovuta al Covid-19, al fine di raggiungere un accordo con i Democratici. Ma il leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, ha detto di essere a favore di un piano più modesto ma più mirato. Intanto proseguono i negoziati tra Londra e Bruxelles sulla questione Brexit. L'Unione europea ha chiesto al Regno Unito di rimanere aperto e scendere a compromessi per sbloccare i negoziati ed evitare un divorzio disordinato a gennaio. L'ultima seduta della settimana sarà movimentata poi da diverse indicazioni. Si attendono la bilancia commerciale e l'inflazione nella zona euro. In Italia l'Istat diffonderà il rapporto sul commercio estero, mentre Bankitalia pubblicherà il bollettino trimestrale. Infine, dagli Stati Uniti giungeranno le vendite al dettaglio, la produzione industriale e la fiducia dei consumatori elaborata dall'università del Michigan.