Italia markets close in 6 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    21.286,72
    +220,17 (+1,05%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,60
    -0,14 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    19.871,36
    +35,48 (+0,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    440,66
    -3,88 (-0,87%)
     
  • Oro

    1.654,10
    -1,50 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    0,9690
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.363,81
    +15,21 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8997
    +0,0064 (+0,72%)
     
  • EUR/CHF

    0,9542
    +0,0034 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,3175
    +0,0006 (+0,04%)
     

Borsa Milano, oggi Piazza Affari in forte rialzo sull'onda delle banche

(Adnkronos) - Inizio di settimana in forte rialzo per Piazza Affari, come per tutte le piazze europee, in scia con Wall Street. La sensazione degli investitori è che le politiche monetarie restrittive della Fed e della Bce, con nuovi aumenti dei tassi di interesse previsti nelle prossime riunioni, possano ridurre l’inflazione. Domani arriverà il dato sull’andamento dei prezzi in America e la speranza è che si possa raggiungere il picco. L’idea è anticipata in qualche modo dalla discesa del valore del dollaro sull’euro e dal restringimento dei rendimenti dei Btp.

Secondo l’analista di ActivTrades Pierre Veyret, tuttavia, “l'indice dei prezzi al consumo statunitense di domani, l'indice dei prezzi al consumo britannico di mercoledì e l'indice dei prezzi al consumo Ue di venerdì porteranno ulteriore volatilità sui mercati”.

Il Ftse Mib sale del 2,34% e chiude a 22.610,40 punti. Torna a scendere lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che ora si aggira sotto i 230 punti base, mentre il rendimento del decennale è inferiore al 4%. Sul listino principale della Borsa di Milano volano le banche. Bper guadagna il 4,97%, Fineco il 5,03%, Intesa Sanpaolo il 3,43%, Unicredit il 2,31%, Banca Mediolanum il 4,17%, Banca Generali il 3,71%.

In positivo anche gli energetici e le utility. Eni avanza del 2,21%, Enel del 2,81%, Hera del 2,65%, Italgas dello 0,48%, Snam del 2,39%, Tenaris del 2,03% e Saipem del 3,38%. Rimbalza, quindi, Tim (+3,91%), mentre si rimane in attesa per capire quale sarà il destino della rete unica. In coda al listino, infine, ci sono Stm (-0,05%) e Atlantia (0,00%). Sono gli unici titoli in parità. (in collaborazione con Money.it).