Italia Markets open in 2 hrs 58 mins

Piazza Affari FTSE MIB: iPhone combinaguai, da Milano a New York

Filadelfo Scamporrino
 

Tornano ad addensarsi nubi nere a Wall Street e, di riflesso, a Piazza Affari e sulle piazze azionarie europee . Ieri, infatti, il Nasdaq (Francoforte: 813516 - notizie) ha perso il 3,04% per colpa di Apple (Swiss: AAPL-EUR.SW - notizie)  (AAPL) e del suo iPhone che ha trascinato verso il basso, senza prove d'appello, i titoli del comparto dei semiconduttori . Basti pensare che l'iShares PHLX Semiconductor ETF ( SOXX ) ieri ha chiuso con un crollo del 5,83%. 

FTSE MIB, rischio nuovo test sotto i 18 mila punti

Sono numeri pesanti, e sebbene ieri a Piazza Affari   il listino delle Blue Chips FTSE MIB  abbia limitato i danni con un -0,61% a 18.218,4 punti, in realtà nella sessione di scambi di oggi , venerdì 4 gennaio del 2019, serve una reazione da parte proprio della Borsa USA  per evitare un nuovo test sotto i 18 mila punt i. 

Capitalizzazione Apple, oltre $ 300 miliardi in fumo in poco più di tre mesi

La stampa americana in queste ore, dopo aver celebrato per anni i numeri in crescita della società di Cupertino , nell'analizzare la situazione non ha potuto far altro che rilevare che i titoli della Apple (AAPL), dopo aver toccato il trilione di dollari di capitalizzazione, ora valgono poco più di $ 670 miliardi in accordo con i prezzi di chiusura della vigilia. Questo significa che a Wall Street  solo Apple (NasdaqGS: AAPL - notizie) ha bruciato oltre 300 miliardi di dollari di capitalizzazione in poco più di tre mesi .

Crollo azioni Apple fa il giro del mondo, rischio effetto domino

Il crollo delle azioni Apple ha fatto chiaramente il giro del mondo anche perché le sorti di tante società quotate a Wall Street , in Europa e sui mercati asiatici , dipendono proprio dall'andamento del business della società di Cupertino .

Autore: Filadelfo Scamporrino Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online