Italia Markets open in 4 hrs 9 mins

Piazza Affari guida i ribassi in Europa. Deludono i dati macro

Davide Pantaleo
 

Dopo il calo di ieri è tornato qualche timido acquisto sulla piazza azionaria giapponese che oggi ha visto il Nikkei 225 fermarsi al di sopra della parità con un frazionale rialzo dello 0,21%. Il listino nipponico ha snobbato la negativa conclusione di ieri a Wall Street, beneficiando piuttosto del recupero del dollaro nei confronti dello yen, di cui ne hanno approfittato soprattutto i titoli legati alle esportazioni.

A risentire delle vendite che ieri hanno interessato Wall Street sono le Borse europee che hanno avviato gli scambi in calo e hanno ampliato progressivamente le perdite. Al momento il Ftse100 scende dello 0,15%, mentre il Cac40 e il Dax30 arretrano rispettivamente dello 0,27% e dello 0,49%.
A frenare il mercato sono le rinnovate tensioni sul fronte obbligazionario Usa, con il rendimento del decennale sui massimi da oltre 4 anni.

Non sono di aiuto intanto le indicazioni che arrivano dal fronte macro, visto che in Europa il dato preliminare dell'indice PMI manifatturiero di febbraio si è attestato a 58,5 punti, rispetto ai 59,6 punti di gennaio, deludendo le attese che parlavano di un calo meno marcato a 59,3 punti.
A deludere anche l'indice PMI servizi che, sempre riferito al mese in corso, è calato da 58 a 56,7 punti, a fronte della stima di un dato pari a 57,6 punti.

In Germania l'indice PMi manifatturiero a febbraio è sceso da da 61,1 a 60,3 punto, mentre le attese erano per un dato pari a 60,6 punti, e l'indice PMI servizi è passato da 57,3 a 55,3 punti, contro i 57 punti del consensus.
In Francia l'indice PMI manifatturiero è passato da 58,4 a 56,1 punti, mentre le previsioni erano per un ribasso meno marcato a 58 punti, e l'indice PMI servizi è sceso da 59,2 a 57,9 punti, al di sotto dei 59 messi in conto dagli analisti.

Le vendite intanto hanno la meglio anche a Piazza Affari che al momento accusa la peggiore performance in Europa, con il Ftse Mib in rosso dello 0,74% a ridosso dei 22.500 punti.

Tra le poche blue chips in controtendenza troviamo STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) che sale dello 0,16%, preceduto di poco da A2A (EUREX: 928195.EX - notizie) che avanza dello 0,19%, sostenuta da alcuni rumors secondo cui la società si sarebbe aggiudicata la gara da 1,3 miliardi di euro in 12 anni per la distribuzione del gas a Milano.
In rosso le altre utilities che risentono dell'aumento del rendimento dei bond, con Snam (Amsterdam: QE6.AS - notizie) ed Enel (Londra: 0NRE.L - notizie) in flessione dell'1,21% e dello 0,88%, seguiti da Italgas e Terna (Amsterdam: TX6.AS - notizie) che arretrano dello 0,57% e dello 0,48%.

La flessione dei prezzi del petrolio verso area 61 dollari appesantisce i titoli del settore oil, con Saipem (Londra: 0NWY.L - notizie) in caduta del 2,05%, seguito da Tenaris (Amsterdam: TS6.AS - notizie) che perde l'1,67% in attesa dei conti del 2017, mentre ENI (Londra: 0N9S.L - notizie) si difende decisamente meglio con un calo più contenuto dello 0,55%.

Tra le blue chips più colpite dalle vendite troviamo anche CNH Industrial con un rosso dell'1,54%, al pari di Mediaset (Londra: 0NE1.L - notizie) che perde l'1,5% in attesa di martedì prossimo, quando ci sarà la prima udienza della contesa legale innescata dalla mancata acquisizione di Premium da parte di Vivendi (Londra: 0IIF.L - notizie) .

In rosso anche le banche con Unicredit (EUREX: DE000A163206.EX - notizie) e Ubi Banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) che scendono di poco più dell'1%, seguiti da Intesa Sanpaolo (Amsterdam: IO6.AS - notizie) e Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) che perdono lo 0,94% e lo 0,85%, mentre Banco BPM e Bper Banca calano dello 0,65% e dello 0,2%.

Sul fronte macro Usa per oggi è in agenda l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari e l'indice Redbook riferito alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.
Da segnalare il dato preliminare dell'indice PMI manifatturiero che a febbraio dovrebbe calare da 55,5 a 55,3 punti, mentre l'indice PMI servizi è visto in rialzo da 53,3 a 54 punti.

Per le vendite di case esistenti a gennaio si prevede un calo da 5,57 a 5,54 milioni di unità.
Sempre oggi è atteso un discorso di Patrick Harker, presidente della Fed di Philadelphia, mentre due ore prima della chiusura di Wall Street saranno diffusi i verbali dell'ultima riunione di politica monetaria della Fed tenutasi il 30 e il 31 gennaio scorsi.

A mercati chiusi si guarderà ai conti degli ultimi tre mesi di Wendy's, dai quali ci si attende un utile per azione di 0,11 dollari.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online