Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    39.930,73
    -360,39 (-0,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Piazza Affari: il rally del petrolio spinge al rialzo i titoli Saipem, Tenaris ed Eni

Stefania Scordio
·2 minuto per la lettura
Piazza Affari: il rally del petrolio spinge al rialzo i titoli Saipem, Tenaris ed Eni
Piazza Affari: il rally del petrolio spinge al rialzo i titoli Saipem, Tenaris ed Eni

Il procedere della campagna vaccinale rinnova la fiducia degli investitori sulla ripresa economica e produttiva che porterà alla crescita della domanda globale del petrolio

Continua il rally dei titoli petroliferi a Piazza Affari con Eni e Saipem in area positiva. Performance spinte dall’aumento del prezzo del petrolio che già nei giorni scorsi ha registrato notevoli rialzi: il WTI scambiato a circa 60 dollari al barile, il Brent oltre i 63. L’oro nero beneficia degli scenari di ripresa economica e produttiva delineati dalla rinnovata fiducia sulla campagna vaccinale, gli stimoli economici delle banche centrali ed in particolare della Fed, e dell’ondata di freddo che sta attraversando gli Stati Uniti.

FREDDO RECORD NEGLI USA

Le temperature gelide da record in Texas hanno portato ad una maggiore richiesta di energia per scaldare uffici e abitazioni e, di conseguenza, con l’eccessivo sovraccarico, diversi black out. Un freddo senza precedenti che ha anche costretto alla chiusura i pozzi e le raffinerie texane. Da questo insieme di fattori deriva l’aumento del prezzo del petrolio che tocca i massimi di gennaio 2020.

EUROPA VERSO LA RIPRESA

La campagna vaccinale in Europa è tornata a procedere a passo spedito, soprattutto a Londra dove negli ultimi mesi sono state vaccinate circa 15 milioni di persone. Il vaccino è l’arma principale per superare la crisi economica e l’avanzare dell’immunizzazione piace agli investitori che vedono più vicina la ripresa. Secondo i dati Eurostat a dicembre la produzione industriale è scesa dell'1,6% rispetto al mese precedente e il 2020 si è chiuso con un crollo di produzione complessivo dell'8,7% nell'area euro (-8% nell'intera Ue). Questi dati non hanno scoraggiato i mercati che sono comunque rimasti positivi guardando alla ripartenza di tutti i settori che hanno subìto l’effetto della pandemia. Un clima di fiducia che si evince anche dal dato relativo al sentiment delle imprese tedesche che a febbraio è salito a 71,2 punti dai 61,8 punti di gennaio.

BENE ANCHE SAIPEM E TENARIS

In vista della ripartenza produttiva si mettono dunque in luce i titoli petroliferi ed energetici sostenuti dalle speranze di un aumento della domanda globale. Nel paniere FSE MIB Saipem vede un incremento di oltre il 3%, Tenaris supera abbondantemente il 2%, anche Eni resta in territorio positivo in una giornata in cui l’indice viaggia attorno alla parità con leggere flessioni sotto lo zero.