Piazza Affari su importanti supporti multi-temporali

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
B8Z.BE1,730,82
P4I.BE2,440,00

Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti e a Pasquale Torcolacci, trader privato e titolare del sito: iltraderinborsa.it.

L’indice Ftse Mib ha perso terreno nelle ultime sedute, scendendo anche poco al di sotto dei 15.000 punti che sono stati riconquistati in chiusura di settimana. Quali le prospettive per le prossime giornate? La borsa italiana si trova su importanti supporti multi temporali, precisamente sulla media a 200 periodi sul giornaliero e a 50 e 12 periodi, rispettivamente sul settimanale e mensile, tra 14960 e 15035 circa. Per le prossime giornate sopra 15250 è possibile una continuazione del rimbalzo in atto dopo i nuovi minimi dello scorso venerdì, con primi obiettivi tra 15500-15750 e 16mila-16280 punti. Solo sotto 14950 e 14880 (media a 100 periodi giornaliera) potremo assistere ad un approfondimento della fase ribassista verso 14650 (media a 24 periodi settimanale).

In chiusura di settimana Telecom Italia (Other OTC: TIAOF.PK - notizie) e Finmeccanica (Xetra: A0ETQX - notizie) si sono rese protagoniste di un bel rally sulla scia della diffusione dei rispettivi risultati societari. Come valuta l’impostazione di questi due titoli e quali strategie ci può suggerire per entrambi? Telecom Italia dopo la mancata doppia conferma sopra 1.10 ha ripreso il trend ribassista di lungo periodo con un primo minimo relativo a 0.7015 euro. Dopo un rimbalzo a 0.9575 ha replicato a 0.603 con recente ennesimo tentativo di ripresa a 0.857 ed attuale nuovo capitombolo a 0.6615-0.69 euro. Comprare sopra 0.73-0.745 e 0.77-0.785 euro, da accumulare a 0.70 con stop totale sotto 0.68-0.65 euro e profit tra 0.875 e 0.925-1 circa.

, Finmeccanica sul mancato recupero di 10 euro ha ripreso il trend ribassista di medio termine, con primo minimo relativo a 4.35 euro. Sotto questo livello ha accelerato con nuovo minino a 2.564 seguito da un lungo andamento laterale 2.65-3.35 circa, rotto al rialzo verso 4.35-3.80 euro. Entrare con una quota sopra 4 euro, da accumulare a 3.60 con stop sotto 3.425 euro e profit tra 4.75-5.25 euro.

Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) e Banca Popolare dell’Emilia Romagna hanno mostrato una maggiore debolezza relativa prima del week-end. Consiglierebbe di acquistare questi due titoli sui livelli attuali? Banco Popolare è in trend ribassista di lungo periodo e sotto 2.40-2 e 1 euro ha accelerato, crollando verso nuovi minimi relativi in zona 0.80-0.7915 euro. Dopo il recente rimbalzo e doppio massimo decrescente a 1.35-1.344 euro sta correggendo verso 1.127-1.15 circa. Comprare una quota sopra 1.25 da accumulare a 1.18 euro, con stop sotto 1.12 euro e profit a 1.50-1.625 euro.

Banca Popolare dell’Emilia Romagna si trova in un trend ribassista di medio-lungo termine, dove ogni rimbalzo è contrastato dalla media a 200 periodi giornaliera. Dopo il recente minimo relativo a 2.80 e l’ennesimo tentativo rialzista a 5.25-5 è rientrata nei ranghi con attuale correzione sul supporto della media a 100 periodi giornaliera a 4.24 circa. Entrare con una quota esplorativa sopra 4.675 da raddoppiare a 5 e da accumulare a 4.35 con stop sotto 4 e profit a 5.55-6.15 euro.

Alla luce delle attuali quotazioni del petrolio, quali strategie ci può suggerire per due titoli come Eni (EUREX: E1NT.EX - notizie) e Saipem (Dusseldorf: 577305.DU - notizie) ? Quali i livelli da seguire ora? Eni continua l’ampio andamento laterale tra 18.72 e 15 circa, attualmente sulla parte superiore. Dopo il recente doppio massimo decrescente a 18.70 sta effettuando una correzione a 17.20-17.50 circa. Entrare sopra 17.70 e 18.20 con una quota, accumulo a 17.30 euro, stop sotto 17-16.90 e profit tra 21 e 23 euro.

, Saipem è stata protagonista di un rialzo percentualmente molto redditizio dalla tenuta di 10 euro fin sopra i 38 euro, con massimi crescenti e correzioni sempre sorrette dal supporto giornaliero. Dopo una veloce correzione poco sopra i 23 euro ha recentemente finto la rottura di 40 euro per intraprendere l’attuale discesa verso 33.10-33.80 euro. Entrare con una quota sopra 35.60 e 36.80 euro, da accumulare a 34.50 con stop sotto 33 euro e profit tra 40 (metà) e 44 (rimanente metà) su nuovi massimi storici inesplorati.

In caso di recuperi del mercato, quali sono i titoli che potrebbero fare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora? Monitoriamo con attenzione: AUTOGRILL (Milano: AGL.MI - notizie) , BCA POP MILANO, BUZZI UNICEM (MDD: BZU.MDD - notizie) , ENEL GREEN POWER (Berlino: 11758488.BE - notizie) , MEDIOBANCA (EUREX: 574959.EX - notizie) , PARMALAT (Berlino: P4I.BE - notizie) , TENARIS (Other OTC: TNRSF.PK - notizie) .

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito