Italia Markets closed

Piazza Affari in calo: pesa la successione in Fca

Rossana Prezioso
 

L'inizio della nuova settimana vede un calo generalizzato delle borse europee conPiazza Affari a -0,3% (21.732 punti) intorno alle 10.30

La situazione 

Se le piazze di scambio estere devono scontare le rinnovate tensioni create da trump questa volta sul dollaro con le sue lamentele verso la politica di rialzo dei tassi della Fed, Piazza Affari è appesantita anche dalla zavorra della galassia Fca e le eterne incertezze politiche. Venerdì scorso il vicepresidente Di Maio ha voluto rassicurare circa la rinnovata fiducia al ministro dell'economa Giovanni Tria, proprio mentre arrivava la nomina per Alessandro Rivera come direttore generale del ministero del Tesoro e Fabrizio Palermo nuovo ceo di Cdp. Sul fronte Fca, invece è da rilevare la vendita in massa dei titoli della galassia Agnelli co l'ormai ex ad di Fca Sergio Marchionne in condizioni irreversibili. Una situazione inattesa che ha costretto i vertici del gruppo a convocare un cda straordinario ed urgente per provvedere ad un'altrettanto straordinaria ed urgente nomina dei nuovi rappresentanti, nomina che, invece, sarebbe dovuta arrivare gradualmente per il 2019. A sostituire Marchionne sarà Mike Manley, mentre John Elkann prenderà in mano le redini della presidenza di Ferrari (Xetra: 30092157.DE - notizie) e Louis C. Camilleri, sarà il nuovo ceo con Suzanne Heywood, Managing Director di Exor presidente di Cnh Industrial.

Il cambio di marcia

 

Una squadra di persone che sostituisce quello che è stato innegabilmente un uomo in grado in 14 anni di salvare un'azienda da un fallimento praticamente certo, rilanciandola sul mercato internazionale e rendendola il sesto gruppo mondiale anche a costo di scelte che spesso hanno fatto discutere da un punto di vista lavorativo. Tralasciando il burrascoso rapporto con i sindacalisti e l'addio a Confindustria, clamoroso è stato lo spin off di Ferrari con conseguente IPO sul mercato Usa e cambio delle logiche produttive (per molti una bestemmmia contro un simbolo di lusso ed esclusività)scelte che sono arrivate alla rilevazione della Chrysler (Xetra: 710000 - notizie) , anch'essa in fallimento per poi renderla nuovamente produttiva. Intanto le azioni del cavallino da quello sbarco a Wall Street sono arrivate a fare +196%. Era il 1 giugno del 2004 quando arrivò come amministratore delegato Fiat (Hannover: FIA1.HA - notizie) , poi Fiat Group Automobilies, che registrava oltre 2 miliardi di perdite mentre oggi vanta un utile netto di 3,5 miliardi; il tutto con azioni che allora non arrivavano che a 1,6 euro mentre oggi superano i 16, 4 con punte che sempre nel 2018 hanno toccato i 20 euro. Risultato: +1.000%. Se dal lato manageriale il lavoro è stato eccellente, però, in queste ore molti ricordano la scure abbattutasi sugli operai, capro espiatorio di una situazione divenuta insostenibile.

Ad ogni modo il mercato ha di fatto premiato la grandezza manageriale di Marchionne con un drastico calo delle azioni, (il fatto stesso che per sostituirlo è stata necessaria la creazione di un team fa capire la leva di potere del manager italocanadese) che vede i titoli del gruppo agli ultimi posti come peggiori performer del Ftse Mib: Ferrari -3,34%, Cnh Industrial -2,8%, xor -2,7%, Fca -2,6%. 

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online