Italia Markets close in 3 hrs 34 mins

Piazza Affari in stand-by, prevale la prudenza

Giancarlo Marcotti
 

Un più che frazionale segno più per il nostro indice di riferimento, ma è anche l’unico in Europa. A Wall Street, subito dopo l’apertura, avvenuta in territorio positivo, sono arrivati soltanto ordini di vendita, e le Borse del Vecchio Continente ne hanno immediatamente risentito.

Alla fine Londra (-0,5%) ha accusato il maggior ribasso, ma il segno meno si trova davanti anche alla performance del Dax (-0,3%) di Francoforte e del Cac (-0,0%) di Parigi.

Le nostre utilities hanno invece sorretto il Ftse Mib (+0,01%).

Best performer di giornata e nuovo record storico per Hera (+2,89%) che conclude la seduta a quota 3,704 euro, ma la multiutility bolognese non è stata la sola a ritoccare il proprio massimo assoluto.

Arrivano su livelli mai toccati in precedenza anche Poste Italiane (+2,09%), e soprattutto il colosso Enel (+1,45%).

Sale sul secondo gradino del podio di giornata Amplifon (+2,77%) che al fixing fa segnare 23 euro tondi tondi e consolida così la seconda posizione nella classifica dell’anno in corso (+65%).

A seguire ecco Terna (+2,54%) ora giunta di nuovo nei pressi del proprio massimo assoluto e Diasorin (+2,30%) il cui 2019 sarà ricordato a lungo dai propri azionisti.

Non potevano deludere neppure Snam Rete Gas (+2,26%), Italgas (+2,07%) ed A2A (+1,67%).

Ancora una giornata storta per i bancari, a lasciar sul terreno oltre un punto percentuale le popolari: Bper Banca (-1,51%), Banco BPM (-1,49%), Ubi Banca (-1,12%), più contenuti i ribassi di Unicredit (-0,82%) ed Intesa Sanpaolo (-0,49%), in solitaria controtendenza Mediobanca (+0,14%).

Sul fondo della classifica anche oggi un titolo della galassia Agnelli, si tratta di Fiat Chrysler (-2,03%), nessun rimbalzo per Juventus (-1,87%) e Finecobank (-1,74%).

Non si ferma inoltre il crollo di Tenaris (-1,44%) che conclude sul minimo di giornata il sesto ribasso di fila.

A Wall Street si susseguono le vendite, il Dow Jones lascia sul terreno in questo momento mezzo punto percentuale, ribassi ancora maggiori per lo S&P500 ed il Nasdaq.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?
Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online