Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.658,76
    +561,70 (+1,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Piazza Affari interrompe striscia vincente: Enel zavorra il Ftse Mib, vola Diasorin

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Si arresta il magic moment di Piazza Affari con l'entusiasmo legato al conferimento dell'incarico a Mario Draghi per formare un governo che aveva portato a ben sei sedute consecutive di corposi rialzi. L'indice Ftse Mib ha chiuso con una flessione dello 0,54% a 23.300 punti. Tra i singoli titoli guadagna la vetta del Ftse Mib DiaSorin (+2,92%), rimasta indietro nelle scorse sedute complice l'ondata di risk-on. Bene anche Campari (+0,91%) e i titoli oil (oltre +1% ENI e Saipem) sotto la spinta dei massimi toccati dal petrolio (Brent oltre il muro dei 60$). Tra i titoli più penalizzati figura Enel con -2,54% a 8,284 euro. Male anche Bper (-2,09%), tra i grandi protagonisti delle ultime sedute in virtù del ritorno di sirene M&A. Bper rimane saldamente il migliori titolo del Ftse Mib da inizio anno con +26% circa. Giornata negativa anche per Finecobank (-2,17% a 14,62 euro) che ha diffuso i conti 2020. L'anno è stato chiuso con ricavi pari a 775,8 milioni di euro, con una crescita del 17,9% su base annua trainati principalmente dal brokerage (+72,9% a/a), grazie all’effetto combinato della rivisitazione dell’offerta, dell’allargamento della base di clienti, dell’ampiamento della quota di mercato di Fineco e della volatilità di mercato, e dall’area Investing (+7,1% a/a), grazie al contributo di Fineco Asset Management e alla crescita del risparmio gestito. L'utile netto è salito del 19,2% a 324,5 milioni. Sempre oggi Finceo ha annunciato l’offerta vincolante per l’acquisizione di una quota di partecipazione pari al 20% di HI-MTF Sim per circa 1,25 milioni di euro.