Piazza Affari: l’idillio prosegue. Ancora un regalo di Natale?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
DVSAF0,0250,000
^FCHI4.484,21+52,40
WAG67,38+1,25

Conclusione contrastata quest’oggi per le Borse europee che non sono riuscite a muoversi tutte nella stessa direzione. Gli indici del Vecchio Continente hanno avviato gli scambi in calo, salvo poi risalire la china e passare in territorio positivo, ma il Ftse100 non è stato capace di mantenersi al di sopra della parità, chiudendo gli scambi in frazionale calo dello 0,05%. Diversa (Other OTC: DVSAF - notizie) la situazione per il Dax30 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) che si sono mossi praticamente di pari passo, salendo rispettivamente dello 0,05% e dello 0,06%. A laurearsi reginetta d’Europa è stata ancora una volta Piazza Affari che si è lasciata alle spalle l’ottava seduta consecutiva in rialzo. Il Ftse Mib si è fermato a 16.399 punti, con un progresso dello 0,41%, dopo aver toccato un massimo a 16.420 e un minimo a 16.220 punti. E’ proseguita così l’avanzata dell’indice delle blue chips che si è avvicinato all’area dei 16.500 punti, un test della quale potrebbe avvenire già nella giornata di domani. Solo con il superamento dell’ostacolo appena segnalato ci sarà spazio per ulteriori allunghi in direzione dei massimi di settembre a 16.700, oltrepassati i quali l’indice approderà sui massimi dell’anno in area 17.000/17.150 punti. La mancata violazione di area 16.500 potrebbe favorire delle prese di profitto che troveranno un primo sostegno in area 16.300/16.250. Sotto questa soglia di prezzo la discesa proseguirà in direzione dei 16.000 punti, persi i quali si sposterà lo sguardo sul sostegno successivo dei 15.800/15.700. Ricordiamo che domani cade l’appuntamento con le scadenze tecniche trimestrali e tale evento potrebbe favorire dei picchi di volatilità, con movimenti di mercato riconducibili a ragioni puramente tecniche. Non è da escludere che nell’ultima seduta della settimana possano avere la meglio alcune prese di profitto, visto che difficilmente gli investitori dovrebbero sbilanciarsi prima del lungo ponte natalizio che vedrà Piazza Affari rientrare agli scambi giovedì prossimo 27 dicembre, per vivere la penultima seduta dell’anno.

, Sul fronte macro americano domani si conosceranno i redditi personali di novembre visti in rialzo dello 0,3% rispetto alla lettura invariata di ottobre. Per le spese al consumo le attese parlano di un rialzo dello 0,4%, in recupero rispetto al calo dello 0,2% precedente, mentre l’indice PCE core dovrebbe salire dello 0,1%, in linea con l’indicazione di ottobre. In calendario anche gli ordini di beni durevoli che a novembre dovrebbero segnare un progresso dell’1% rispetto al dato sulla parità del mese precedente, mentre al netto della componente trasporti le stime sono per un calo dello 0,3% in confronto al rialzo dell‘1,5% i ottobre. Per il dato deinitivo della fiducia Michigan a dicembre, le aspettative degli analisti sono per una lettura a 75 punti, in frazionale rialzo rispetto ai 74,5 dell’indicazione preliminare, ma in calo in confronto agli 82,7 del mese di novembre. Da segnalare anche i risultati degli ultimi tre mesi di Walgreen (NYSE: WAG - notizie) che saranno diffusi prima dell’avvio degli scambi a Wall Street e dai quali ci si attende un utile per azione di 0,7 dollari. In Europa si segnala solo l’indice relativo alla fiducia delle imprese in Francia, dove a dicembre si prevede un dato pari a 89 punti, in rialzo rispetto agli 88 di novembre.

A Piazza Affari non si segnalano titoli e temi di particolare rilievo per l’ultima seduta della settimana.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.935,34 +1,49% 22 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.199,69 +1,39% 22 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.681,76 0,85% 22 apr 17:35 CEST
Dax 9.600,09 +2,02% 22 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.514,37 0,40% 22 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09% 08:00 CEST