Piazza Affari: meglio una grande coalizione o nuove elezioni?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
GS-PB24,950,20
BACYL1.147,50+5,73
FTSEMIB.MI21.613,30+78,78
SDR.L2.559,00+104,00

La giornata prosegue all’insegna delle vendite a Piazza Affari dove l’indice Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) , pur avendo recuperato qualche posizione dai minimi, si conferma ancora in netto calo. Mentre scriviamo l’indice delle blue chips viene fotografato a ridosso dei 15.700 punti, con un affondo di circa quattro punti percentuali. A pesare sull’andamenro odierno del mercato è l’esito delle elezioni politiche, da cui è emersa l’ingovernabilità del Paese, vista la vittoria di misura alla Camera da parte della coalizione di centrosinistra e la maggioranza relativa ottenuta invece dal PDL al Senato. Il sntiment degli investitori è fortemente appesantito dalle incertezze che gravano sul futuro della scena politica in Italia, in attesa di capire quali potranno essere gli scenari che si andranno a delinerare dopo l’esito negativo consegnato dalle urne. Da una parte si profila il rischio di un ritorno a nuove elezioni, mentre dall’altra si ipotizza la formazione di una grande coalizione, in modo da poter assicurare una certa governabilità al Paese. Ci si chiede quindi a questo punto quale dei due possa essere lo scenario peggiore per i mercati finanziari. Non hanno dubbi in merito gli analisti di Bank of America (Other OTC: BACYL - notizie) -Merrill Lynch, secondo cui un ritorno alle rune sarebbe il peggiore risultato potenziale per il sentiment el mercato e per le prospettive dell’economia italiana. Un accordo di coalizione è complicato e tanto Berlusconi quanto il Movimento 5 Stelle hanno momentum e potrebbero essere presto tentati da una nuova tornata elettorale per sigillare una vittoria netta. Gli analisti di Bank of America-Merrill Lynch credono però che Grillo non intenda correre presto a nuove elezioni, preferendo prima fornire alcuni risultati per consolidare la posizione del Movimento da lui guidato.

, I colleghi del Credit Suisse (NYSE: CRP-CL - notizie) ritengono che lo scenario migliore per i mercati sia quello di una grande coalizione tra PD, PDL e Centro, anche se probabilmente non sarebbe di lunga durata. Una posizione condivisa dagli analisti di Barclays (Londra: BARC.L - notizie) i quali segnalano che nel caso in cui si approdasse ad una grande coalizione, la priorità sarà cambiare la legge elettorale. Un’eventuale alleanza tra PD-Sel e Movimento a 5 Stelle potrebbe essere positiva nel breve termine, perchè permetterebbe all’Italia di scongiurare l’incertezza legata ad una nuova tornata elettorale, anche se nel medio periodo non sarebbe lo scenario migliore. Questo perchè, a detta di Barclays, una coalizione di questo tipo non garantrebbe la necessaria convergenza sulle riforme strutturali chiave di cui il Paese ha bisogno per migliorare la sua competitività. Anche secondo Mario Spreafico, capo degli investimenti di Schroders (Londra: SDR.L - notizie) in Italia, la soluzione migliore per i mercati è quella di una grande coalizione che generi stabilità con una serie di punti programmatici, come la legge elettorale e l’elezione del Capo dello Stato, per poi andare in seguito ad eventuali nuove elezioni. L’idea di una grande coalizione però non è una soluzione così facile da realizzare, secondo quanto evidenziato dagli analisti di Goldman Sachs (NYSE: GS-PB - notizie) , i quali evidenziano che tale coalizione dovrebbe abbracciare un ampio spettro politico e quindi potrebbe non essere molto stabile Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.516,27 0,68% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati