Italia markets open in 2 hours 38 minutes

Piazza Affari parte ancora in forte ribasso, altra ondata di vendite sui titoli

simone borghi

Si preannuncia un’altra seduta difficile per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib arretra di quasi il 3% avvicinandosi a quota 22.000 punti, in scia alle perdite della vigilia. Sull’obbligazionario, invece, si è assistito a un nuovo strappo al rialzo dello spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco, con il differenziale sopra la soglia di 162 punti base. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è tornato sopra l'1%. Secondo l'ultimo aggiornamento, in Italia si contano 650 persone contagiate, di queste, 17 persone sono decedute e 45 persone guarite.

Sul Ftse Mib anche oggi pioggia di segni meno con nessun titolo che scambia sopra la parità. Tra quelli che limitano maggiormente le perdite a circa l’1% troviamo Nexi, Telecom Italia, Pirelli e Fca.

Nemmeno il nuovo Piano Strategico di lungo termine al 2050 e il Piano d’Azione 2020-2023 riesce a tenere a galla Eni (-2,5%). Nel dettaglio, il piano di investimenti quadriennale, prevede investimenti di circa 32 miliardi di euro al 2023. Eni per il 2020 prevede un dividendo pari a 0,89 euro per azione in crescita del 3,5% e una manovra di buyback di 400 milioni.

I peggiori del litino principale sono Atlantia, Buzzi e Stm che cedono circa il 3%.