Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.803,53
    +513,45 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    14.110,95
    +80,58 (+0,57%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1908
    +0,0042 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    27.473,31
    -1.795,35 (-6,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    800,62
    -49,72 (-5,85%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • S&P 500

    4.215,53
    +49,08 (+1,18%)
     

Piazza Affari piatta: massimi del petrolio non aiutano ENI, corrono Bper e Banco BPM

·1 minuto per la lettura

Prima ora di contrattazioni all'insegna della cautela sui mercati con tutte le attese rivolte a domani con i dato sull'inflazione Usa e il meeting Bce. Si conferma la forza del petrolio con il Brent che ha rivisto la soglia di 72 dollari al barile e il Wti rompere la barriera dei 70 dollari per la prima volta dal 2018. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib scende dello 0,04% a 25.798 punti. Ieri una chiusura leggermente negativa ho posto termine a una striscia di ben otto rialzi consecutivi. Spicca tra le banche il +1,23% di Bper, miglior performer di tutto il Ftse Mib; bene anche Banco Bpm (+0,8%). OLtre +1% per Exor. Poco mossa Ferrari (+0,05%) che ha annunciato la nomina di Benedetto Vigna come amministratore delegato. Entrerà a far parte del gruppo di Maranello il primo settembre. Vigna proviene da STMicroelectronics dove attualmente è responsabile del gruppo analogici, MEMS (Micro-electromechanical Systems) e sensori, il più grande e remunerativo business operativo del gruppo nel 2020. Tra i segni meno si segnalano Generali (-0,87%) ed ENI (-0,8%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli