Italia markets close in 4 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    26.160,56
    +307,57 (+1,19%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,06 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,54 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • Petrolio

    71,65
    +3,50 (+5,14%)
     
  • BTC-EUR

    50.617,17
    +1.867,35 (+3,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.428,09
    -27,32 (-1,88%)
     
  • Oro

    1.793,80
    +8,30 (+0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,1296
    -0,0024 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.139,82
    +50,24 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8450
    -0,0037 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0438
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4375
    -0,0096 (-0,66%)
     

Piazza Affari positiva nonostante il balzo dell’inflazione USA

·2 minuto per la lettura

Piazza Affari e le altre borse europee hanno chiuso in positivo una seduta altalenante scandita dalle indicazioni arrivate dall’inflazione statunitense. Il mese scorso, l’indice dei prezzi al consumo USA ha registrato un +0,9% mensile ed un +6,2% annuo, il dato maggiore da 3 decenni. In entrambi i casi le stime degli analisi erano orientate per numeri più contenuti: a livello congiunturale il CPI (Consumer Price Index) era visto al +0,6% mentre su base tendenziale era stimato un incremento dal 5,4 al 5,8 per cento.

Gli esperti temono che nei prossimi mesi una salita in quota 7% possa portare la Federal Reserve ad accelerare il suo piano di ritiro degli stimoli straordinari. Nonostante questo, un Ftse Mib che a metà seduta quotava piatto ha terminato in rialzo dello 0,44% a 27.561 punti.

A sostenere la performance del listino delle blue chip sono state le performance di Stellantis (+2,53%) e CNH Industrial (+1,86%). Bene anche Telecom Italia (+1,67%), Terna (+1,51%) ed Enel (+0,93%). Giornata da dimenticare invece per Tenaris (-3,32%), STMicroelectronics (-1,96%) e Moncler (-1,09%).

Nonostante un ritorno all’utile e ricavi in aumento, la mancata presentazione di previsioni dettagliate ha fatto perdere alle azioni Salvatore Ferragamo il 4,23%. Tra le altre società che hanno alzato il velo sui conti segnaliamo il +8,46% di Safilo ed il +6,86% di Mediaset.

Il gruppo veneto dell’occhialeria al 30 settembre ha registrato vendite nette in aumento del 37,3% a 737,4 milioni di euro (+8,7% sul 2019 a cambi costanti) mentre Mediaset ha capitalizzato risultati migliori del previsto e la stima di un 2021 di “deciso rafforzamento dei risultati economici”.

Dal fronte bond, nel terzo giorno del collocamento del Btp Futura, il Tesoro ha messo sul mercato Bot a 12 mesi per 5 miliardi. Il rendimento di titoli si è attestato al -0,533%, -6 centesimi rispetto all’asta del mese precedente. Segno meno per lo spread Btp-Bund, in calo del 4% a 108 punti base. (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli