Italia markets open in 3 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.851,92
    -8,70 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1338
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    43.811,84
    -778,72 (-1,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.299,73
    -5,39 (-0,41%)
     
  • HANG SENG

    24.217,36
    +220,49 (+0,92%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Piazza Affari positiva, spread in deciso calo

·2 minuto per la lettura

Chiusura positiva per le borse europee all’indomani del meeting della Federal Reserve. Nel dare, come da attese, il la al processo di riduzione progressiva degli stimoli monetari, l’istituto guidato da Jerome Powell ha ribadito che il tapering, da 15 miliardi mensili, non rappresenta un’anticipazione per un rialzo del costo del denaro.

Buone nuove, restando in tema di banche centrali, anche da Londra, dove la Bank of England ha confermato, un po’ a sorpresa, il tasso di riferimento. Anche se per ora la BoE non è intervenuta, ha precisato l’istituto di Threadneedle Street, questo non vuol dire che resterà ferma anche nei prossimi mesi.

Sono due i titoli che sul paniere principale di Milano, che ha chiuso in rialzo dello 0,53% a 27.522,05 punti, guardano tutti dall’alto: Telecom Italia (+4,49%) e Tenaris (+6,26%). La prima ha capitalizzato i rumor secondo cui il progetto di combinazione tra l'infrastruttura di TIM e quella di Open Fiber potrebbe ripartire mentre la seconda si è mossa in scia dei numeri trimestrali (tra luglio e settembre le vendite nette sono cresciute del 73% annuo a 1,75 miliardi di dollari).

Giornata di conti anche per CNH Industrial (+0,52%) che, dopo esser stata spinta al ribasso dai risultati, ha riguadagnato terreno nel corso della conference call. Il Q3 si è chiuso con un risultato netto “adjusted” di 496 milioni di dollari, dai 156 di un anno fa. +23% per il fatturato, salito a 7,97 miliardi. Il recupero è stato dettato dalle dichiarazioni rese dall’Ad Scott Wine, secondo cui il primo trimestre 2022 potrebbe essere migliore del solito.

Acquisti anche su Snam (+0,83%), che nei nove mesi ha registrato una crescita di fatturato e utile netto del 15 e del 7 per cento. Approvato anche l'acconto sul dividendo 2021 di 0,1048 per azione.

L’Opa di Generali (-0,42%) su Cattolica (-1,55%) si è conclusa con adesioni al 60,8% del capitale, portando la quota detenuta dalla compagnia triestina all’84,475%.

Rosso di 4 punti percentuali per lo spread Btp-Bund, sceso a 115 punti base. (In collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli