Italia markets open in 4 hours 56 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.822,42
    +374,41 (+1,36%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    41.379,20
    -610,42 (-1,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.372,19
    -15,72 (-1,13%)
     
  • HANG SENG

    27.741,44
    +22,77 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Piazza Affari positiva, tonfo della Juventus

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Seduta altalenante per la borsa di Milano che, partita positiva, ha prima ritracciato i guadagni e poi recuperato terreno in scia dell’avvio positivo dei listini statunitensi.

A Milano, dove il Ftse Mib si è fermato a 24.161,38 punti (+0,3%), spicca in particolare l’andamento del comparto industriale: Stellantis ha terminato con un +1,86%, Pirelli con un +1,33% e Leonardo ha guadagnato l’1,31%.

Giornata positiva anche per il comparto energetico (+0,68% di Eni e +1,45% di Tenaris). In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, il petrolio Wti quota 62 dollari al barile (-1,1%) dopo che il Dipartimento dell’Energia USA ha annunciato che nell’ultima settimana le scorte di petrolio USA sono salite di 0,6 milioni di barili, contro i -3,7 milioni attesi dagli analisti (il dato evidenzia consumi inferiori alle stime).

Tra i bancari, UniCredit ha chiuso in sostanziale parità (+0,05%) ed Intesa Sanpaolo ha guadagnato lo 0,47%. Rally per le azioni Credito Valtellinese (+4,01% a 12,44 euro) dopo la notizia che il Credit Agricole Italia ha modificato i termini dell’offerta di acquisto in senso migliorativo offrendo 12,5 euro per azione anche nel caso in cui le adesioni non dovessero raggiungere il 90% del capitale.

A due giorni dalla presentazione, l’accantonamento del progetto della Super League ha fatto perdere alle azioni Juventus il 13,7%.

Deciso segno meno per lo spread Btp-Bund, in calo del 2,6% a 101 punti base. Nel terzo giorno del collocamento del nuovo Btp Futura 2037 sono arrivate richieste per quasi 1 miliardo di euro portando il totale in quota 4,6 miliardi di euro. (in collaborazione con money.it).