Piazza Affari potrebbe essere essere pronta a ripartire

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BOE.MI20,900,00
B.MI2,740,03

La settimana si è conclusa in maniera contrastata per le Borse europee che non sono riuscite a muoversi tutte nella stessa direzione. Il Cac40 è salito in controtendenza, chiudendo gli scambi in progresso dello 0,47%, mentre il Ftse100 e il Dax30 hanno ceduto rispettivamente lo 0,11% e lo 0,45%. Non ha evitato il segno meno neanche Piazza Affari che pure ha visto il Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) limitare considerevolmente i danni, con una chiusura a 15.181 punti, in frazionale calo dello 0,09%, dopo aver toccato un massimo a 15.243 e un minimo a 14.964 punti. Negativo il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha lasciato sul parterre il 3,73% rispetto al close di venerdì scorso. L’indice Ftse Mib si è scontrato con l’area dei 15.700/15.800, la cui tenuta ha provocato una rapida discesa che ha spinto i corsi al di sotto dei 15.500. Proprio prima del week-end le quotazioni sono scese poco al di sotto dei 15.000 punti, salvo poi recuperare questo livello e terminare l’ottava ad un passo dai 15.200. Il mercato è stato colpito dalle vendite sulla scia della negatività alimentata dalla riconferma di Obama alla Casa Bianca, evento che ha contribuito a deteriorare il quadro tecnico del Ftse Mib. Non tutto però è ancora perduto visto che con la tenuta di area 15.000 punti l’indice potrebbe estendere il tentativo di reazione già avviato venerdì scorso. Con la riconquista di area 15.250/15.300, ci saranno le condizioni per un recupero verso i 15.500, superati i quali i corsi si confronteranno con l’ostacolo successivo dei 15.700/15.800. Se l’indice riuscirà ad avere ragione anche di questo livello, si assisterà ad un test dei 16.000 punti, e solo oltre questi si allenteranno le pressioni ribassiste, con estensioni verso i 15.300 e i 16.500 in un secondo momento.

, Fino a quando l’indice si manterrà al di sotto dei 15.300/15.250, ci sarà il rischio di un nuovo test di area 15.000, sotto cui la discesa proseguirà verso il sostegno successivo dei 14.800. La perdita di questo livello costringerà a spostare lo sguardo sui 14.500, la cui tenuta è essenziale per evitare di compromettere la struttura rialzista di medio periodo. Per la prima seduta della prossima settimana non si segnalano aggiornamenti di rilievo sul fronte macro in America, dove peraltro cade la festività del Veteran’s Day, anch se i mercati finanziari saranno regolarmente aperti. In Europa si segnala nel pomeriggio la riunione dell’Eurogruppo, ossia dei ministri delle finanze dell’area euro. A Piazza Affari alcune blue chips presenteranno i risultati del terzo trimestre e dei primi nove mesi dell’anno e si tratta di Campari (MDD: CPR.MDD - notizie) , Enel Green Power (Berlino: 11758488.BE - notizie) e Pirelli (Milano: PC.MI - notizie) . Alla prova dei conti anche numerose società a piccola e media capitalizzazione e si tratta di: Acea (MDD: ACE.MDD - notizie) , AcSM (Milano: ACS.MI - notizie) -Agam, Banca Carige (Other OTC: BCIGF.PK - notizie) , Banca Popolare di Spoleto, Bastogi (Milano: B.MI - notizie) , Bioera (Milano: BIE.MI - notizie) , Brunello Cucinelli, Boero Bartolomeo (Milano: BOE.MI - notizie) , Calatagirone Editore, Cogeme Set (Milano: COG.MI - notizie) , Cobra Automotive, Creberg, DelClima, De Longhi (Milano: DLG.MI - notizie) , Datalogic, Dea Capital (Berlino: CWH.BE - notizie) , Digital Bros (Berlino: DB7.BE - notizie) , ERG (Berlino: ER9.BE - notizie) , Falck Renewables, Gas Plus (Milano: GSP.MI - notizie) , Immsi (Milano: IMS.MI - notizie) , Juventus FC, Marcolin (Milano: MCL.MI - notizie) , Marr (Berlino: M6Z.BE - notizie) , Mediacontech (Berlino: EUF.BE - notizie) , Molmed (Berlino: 4HW.BE - notizie) , Prima Industrie (Xetra: 928888 - notizie) , Ratti (Milano: RAT.MI - notizie) , Rcs, Retelit (Berlino: EAEN.BE - notizie) , Rosss (Milano: ROS.MI - notizie) , Sadi, Snai (Berlino: NAJ.BE - notizie) e Tamburi Investment Partners.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito