Piazza Affari: prevalgono ancora gli acquisti

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
UBI.MI7,000,53
DIA.MI29,110,01
ENEL.MI4,080,00
FTSEMIB.MI21.613,30+78,78
BP.MI15,400,32

Non è ancora arrivato il momento delle prese di beneficio per la Borsa milanese che fa segnare l’ottavo rialzo consecutivo, ed in tutte queste sedute il prezzo di chiusura è risultato sempre superiore a quello di apertura, segno evidente che non mancano i compratori.

Lo spread è rimasto sopra quota 300 punti, in rialzo rispetto alla vigilia di circa un punto percentuale, ma non è scattato nessun allarme.

Molto attesi i dati sul mercato del lavoro Usa, sono risultati leggermente peggiori rispetto alle attese, ma senza destare particolari preoccupazioni, anche il superindice ha fatto segnare una flessione (-0,2%) nel mese di novembre.

Lieta sorpresa, invece, il Pil del terzo trimestre, rivisto in crescita al 3,1% (la lettura precedente si fermava al +2,7% e le stime degli analisti arrivavano al +2,8%).

Ed il mercato ha particolarmente apprezzato altri due dati macro, il forte incremento delle vendite di abitazioni esistenti, che ha superato quota 5 milioni (ovviamente stiamo parlando del dato annualizzato) il valore più elevato degli ultimi tre anni, ed il Philadelphia Fed Index incredibilmente aumentato a 8,1 punti dal precedente -10,7 punti, gli economisti si attendevano un aumento ma soltanto a -1,3 punti.

Insomma motivi di ottimismo non ne mancano e Piazza Affari ne ha approfittato, il Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) (+0,41%) non deve però ringraziare il comparto bancario che oggi ha avuto luci ed ombre, ma in vetta ai rialzi odierni abbiamo titoli di diversi settori.

Molti titoli oggi hanno ritoccato i massimi dell’anno, fra questi occorre rimarcare l’eccellente risultato di Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) (+3,77%) tornato su quotazioni che registrava nel maggio 2011.

Continua anche il recupero di Mediaset (Milano: MS.MI - notizie) (+3,54%) che oggi ha terminato sul massimo di giornata tornando sopra quota 1,6 euro.

, Nuovo massimo dell’anno anche per Finmeccanica (+2,56%) la cui performance in questo 2012 ha al momento superato il 50%.

Ed eccoci al primo bancario, Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) (+2,56%) che invia al mercato un segnale di forza davvero salutare per il titolo.

E continuiamo a parlare di titoli che hanno oggi ritoccato la loro massima quotazione in questo 2012, oltre a quelli già citati abbiamo: Atlantia (+1,97%), Tod’s (+1,78%), Generali (+1,63%), Enel (Milano: ENEL.MI - notizie) (+1,41%), Diasorin (Milano: DIA.MI - notizie) (+1,34%), Terna (Milano: TRN.MI - notizie) (+0,73%), Ansaldo (Milano: STS.MI - notizie) (+0,72%) e Snam Rete Gas (Other OTC: SNMRF - notizie) (+0,35%).

Non sono mancati, però, dei ribassi e di società “importanti”, chiudono ancora con una flessione Saipem (Milano: SPM.MI - notizie) (-1,86%) e Telecom (-1,36%) i due titoli più martoriati del momento.

Ma hanno terminato con una freccia rossa anche Campari (Milano: CPR.MI - notizie) (-0,86%), Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) (-0,66%), Pirelli (Milano: PC.MI - notizie) (-0,63%), Ubi Banca (Milano: UBI.MI - notizie) (-0,62%), Buzzi Unicem (Milano: BZU.MI - notizie) (-0,57%), Bper (-0,28%), Exor (-0,26%), Unicredit (Milano: UCG.MI - notizie) (-0,21%), Banca MPS (-0,18%) ed Eni (Milano: ENI.MI - notizie) (-0,11%).

Terminiamo, però, segnalando ancora i rialzi di Fiat (+1,42%) la cui performance da inizio anno sale all’8,73% (non male per l’annus horribilis delle vendite di automobili), Banco Popolare (Milano: BP.MI - notizie) (+1,36%) ed Enel Green Power (+1,38%).

Insomma oggi tanti azionisti sono felici come non lo erano mai stati in questo 2012, se domani sarà davvero la fine del mondo, beh! Ci siamo arrivati con un sorriso sulla bocca.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito