Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.277,85
    +236,26 (+1,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    334,11
    -3,39 (-1,00%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0022 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5529
    +0,0027 (+0,18%)
     

Piazza Affari in profondo rosso sui timori di nuovi lockdown, tonfo di Saipem

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Si apre un'altra seduta difficile per Piazza Affari sui timori di un nuovo lockdown in Europa, di fronte al continuo aumento dei contagi. Secondo quanto si apprende dalla stampa, la Francia si appresta a introdurre un nuovo stop nazionale per arginare la diffusione del Covid, con un annuncio da parte del presidente Emmanuel Macron previsto questa sera. Anche la Germania sta valutando un lockdown soft a partire da novembre. Lo scenario resta incerto anche per via delle elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre che spingono gli investitori verso il cosiddetto risk-off. In questo contesto l'indice Ftse Mib cade ancora segnando dopo l'avvio una flessione di oltre il 3% in area 18.033 punti. Guardando al listino principale, nessun titolo riesce a schivare le vendite. La più colpita è Saipem che sprofonda sul fondo del paniere con un tonfo di oltre il 6% a 1,3 euro nel giorno in cui ha diffuso i conti. Non aiuta il nuovo calo del petrolio (Wti giù del 3,6%) in scia ai timori per la ripresa globale e quindi per la domanda di greggio. Ciò si riflette sull'intero settore energetico, con Eni che cede quasi 4 punti percentuali, sotto i 6 euro per la prima volta dal 1996. Male anche Fca (-5,2%) nonostante abbia annunciato oggi nuovi progressi verso il perfezionamento della combinazione con Peugeot (Groupe PSA) per la creazione di Stellantis, il quarto costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi. Le parti prevedono che l’operazione sia perfezionata entro la fine del primo trimestre 2021 subordinatamente alle consuete condizioni di closing previste dal combination agreement.