Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.412,02
    -1.308,34 (-2,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Piazza Affari riaggancia 26mila punti nel post Fed: bene UniCredit e Banca Mediolanum

·2 minuto per la lettura

Giornata tonica per Piazza Affari, tra le migliori Borse in Europa. Una seduta positiva sin dalle prime battute, con una accelerazione rialzista nel pomeriggio sostenuta dal buon avvio di Wall Street all'indomani dell'annuncio del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed. A Milano, la seduta è stata mandata in archivio con una crescita dell'1,41% a quota 26.081,13 punti. Sui listini europei, Piazza Affari compresa, resta accesa la modalità 'risk-on' in scia alle decisioni del Fomc che di fatto non ha dato alcuna informazione esatta su quando partirà la riduzione degli acquisti di asset, che avviene con il Quantitative easing per un valore di $120 miliardi al mese. Nella conferenza stampa successiva all'annuncio, il numero uno della Fed Jerome Powell ha tuttavia precisato che "è probabilmente appropriato un processo di tapering graduale che si concluda attorno alla metà dell'anno prossimo". Un sentiment positivo nonostante i timori legati ancora al caso Evergrande e alle deboli indicazioni arrivate dal fronte del Pmi manifatturiero e servizi della zona euro. A Piazza Affari la migliore del listino principale è stata UniCredit (+3,3%). Il gruppo guidato da Orcel ha fatto sapere che la riunione del cda per l'approvazione della trimestrale si terrà mercoledì 27 ottobre 2021 anziché mercoledì 10 novembre 2021. "Di conseguenza, la presentazione dei risultati di gruppo del terzo trimestre e dei primi 9 mesi del 2021 (pubblicazione risultati e conference call) si svolgerà giovedì 28 ottobre invece di giovedì 11 novembre 2021", si legge nella nota. Secondo posto per Banca Mediolanum che ha strappato un +3,2%, bene anche Amplifon (2,6%) ed Enel (+2%). Il titolo del gruppo energetico italiano guidato da Starace ha presentato Gridspertise, interamente controllata da Enel attraverso la sua controllata Enel Global Infrastructure and Networks, la società dedicata alla trasformazione digitale delle reti elettriche. In particolare, farà leva sulle competenze di Enel nel collaudare, valutare e implementare su larga scala le migliori tecnologie per la gestione di reti elettriche intelligenti in tutto il mondo, al fine di fornire soluzioni collaudate ai Gestori dei sistemi di distribuzione (DSO) di qualsiasi dimensione a livello mondiale. Positiva anche Nelle retrovie Iwit (-0,8%), DiaSorin (-0,5%) e Campari (-0,2%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli