Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.709,87
    -412,29 (-2,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Piazza Affari in rialzo, bene le utility

(Adnkronos) - Giornata positiva per Piazza Affari, che dopo un avvio negativo si rialza con l’apertura positiva di Wall Street. Gli investitori americani aspettano il Beige Book, il documento che descriverà lo stato di salute dell'economia statunitense, ma anche le parole di alcuni esponenti della Federal Reserve, che possono dare ulteriori dettagli sulle future strategie di politica monetaria.

In Europa, invece, si monitora la situazione energetica, con l’Ue che insiste sul price cap e Putin che parla di esplosione sociale in arrivo nel Vecchio Continente. Si attende poi la riunione di domani del board della Bce. Secondo le opinioni prevalenti Francoforte aumenterà i tassi di interesse di 75 punti base dopo il rialzo di 50 stabilito a luglio. Il Ftse Mib sale dello 0,04% e chiude a 21.283,18 punti. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, poi, scende leggermente e si attesta attorno ai 230 punti base.

Sul listino principale della Borsa di Milano, quindi, si mettono in mostra le utility. Hera guadagna il 2,69%, A2A lo 0,69% ed Enel l’1,53%. Quest’ultima ha lanciato sul mercato un sustainability-linked bond rivolto agli investitori istituzionali per un totale di 1 miliardo di euro. L’emissione ha ricevuto richieste in esubero per circa 2,4 volte, totalizzando ordini complessivi per un importo pari a circa 2,4 miliardi. Bene anche Prysmian (+2,81%), Stellantis (+1,06%) e Stm (+2,11%)

In ordine sparso i bancari: Banca Mediolanum guadagna l’1,29%, Mediobanca lo 0,55% e Fineco lo 0,18%, mentre Intesa Sanpaolo perde lo 0,22% e Unicredit l’1,61% La significativa discesa del prezzo del petrolio, invece, affossa Eni (-2,79%) e Tenaris (-3,15%). Male anche Amplifon (-2,13%), Leonardo (-1,23%) e Diasorin (-2,10%). (in collaborazione con Money.it).