Italia markets close in 7 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    23.985,95
    -109,05 (-0,45%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • Petrolio

    111,32
    +1,04 (+0,94%)
     
  • BTC-EUR

    28.841,70
    +919,56 (+3,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    684,57
    +11,19 (+1,66%)
     
  • Oro

    1.854,80
    +12,70 (+0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,0599
    +0,0037 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.435,75
    -281,49 (-1,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.692,51
    +35,48 (+0,97%)
     
  • EUR/GBP

    0,8439
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0302
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3557
    +0,0001 (+0,01%)
     

Piazza Affari in rialzo, bene le banche

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Seduta positiva per la piazza finanziaria milanese, spinta dagli acquisti su un comparto bancario tornato al centro della scena in attesa di novità sul processo di consolidamento. Sul Ftse Mib, che ha chiuso a 24.878,23 punti (+1,03%), spiccano in particolare le performance di Banco Bpm (+4,46%), Bper Banca (+3,52%), Intesa Sanpaolo (+2,41%) e UniCredit (+1,55%).

Secondo le stime delle maggiori banche d'affari, l’istituto guidato da Andrea Orcel dovrebbe aver chiuso i primi tre mesi dell'esercizio 2022 con un utile netto di 455 milioni, contro i +883 milioni di un anno fa. Atteso un lieve calo per il margine di intermediazione, che dovrebbe passare da 4,69 a 4,44 miliardi.

Giornata di acquisti anche per Pirelli e per Stmicroelectronics, salite rispettivamente del 3,28 e del 3,24 per cento (a spingere quest'ultima sono stati i risultati di Asml). Più 1,71% per Leonardo, spinta dalla promozione di Morgan Stanley ad “overweight” con prezzo obiettivo fissato a 11,8 euro.

Incremento di circa mezzo punto percentuale per Stellantis (+0,54%) che nel mese di marzo ha visto la quota di mercato nei Paesi Ue, Efta (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) e Gran Bretagna scendere dal 21 al 18,1%.

Tra le aziende di pubblica utilità, denaro su Hera (+3,21%) ed A2A (+1,54%) mentre Enel ha chiuso con un -0,26% e Terna ha lasciato sul campo lo 0,64%. Sul completo, prese di beneficio su Autogrill (-4,78%), salita ieri di oltre 12 punti percentuali grazie ai rumor su un'operazione straordinaria con la svizzera Dufry. (in collaborazione con Money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli