Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.536,57
    +712,48 (+1,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8544
    +0,0050 (+0,59%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Piazza Affari in rialzo, buone nuove dagli USA

·2 minuto per la lettura

Chiusura di seduta in solido territorio positivo per le borse europee, spinte nel corso della seconda parte da una Wall Street rinfrancata dalle indicazioni arrivate dal mercato del lavoro. Nel mese di ottobre, il tasso di disoccupazione della prima economia è sceso dal 4,8 al 4,6 per cento mentre il saldo delle buste nei settori non agricoli, le famigerate non-farm payrolls, è risultato positivo per 531 mila unità (consenso 455 mila).

“Le cifre suggeriscono che l’economia americana evidenzia un miglioramento nel mondo del lavoro e sempre più lavoratori pretendono un salario più elevato”, ha commentato Filippo Diodovich, Senior Market Strategist di IG Italia. “L’aumento dei prezzi al consumo –continua l’esperto- rischia di essere alimentato non solamente dall’incremento dei prezzi delle materie prima ma anche dalla crescita delle aspettative di inflazione” visto che “con banche centrali poco credibili nell’impegno di mantenere la stabilità dei prezzi l’inflazione potrebbe aumentare ulteriormente”.

L’ultima seduta della settimana del Ftse Mib si è chiusa a 27.795,93 punti, +0,99% rispetto al dato precedente. Le performance migliori sono state registrate da Telecom Italia e Banco BPM, salite rispettivamente del 4,76 e del 5,03 per cento.

“Con riferimento alle indiscrezioni di stampa odierne circa possibili assetti societari relativi alla rete, TIM precisa che l’argomento non è stato oggetto di discussione nel Consiglio di amministrazione né tantomeno sono state prese decisioni al riguardo”. E’ quanto riporta una nota emessa dal gruppo delle tlc a seguito delle indiscrezioni emerse ieri relative la ripresa dei contatti, con TIM che sarebbe pronta a rinunciare al controllo della rete, con Open Fiber.

L’istituto bancario al 30 settembre ha registrato un utile netto di 472 milioni, +79,8% nel confronto con lo stesso periodo del 2020, ed annunciato di attendersi un utile sopra quota 1 miliardo al 2024. Giornata di conti anche per Leonardo (-1,42%) che ha chiuso i nove mesi con ricavi in aumento del 6% a 9,6 miliardi mentre gli ordini hanno evidenziato un +9% portandosi a 9,3 miliardi.

Seduta altalenante dopo i conti anche per Enel che però è riuscita a chiudere la seduta con il segno più (+0,58%). Il colosso guidato da Francesco Starace tra gennaio e settembre ha evidenziato ricavi in aumento del 17,1% ed un calo del risultato netto dell’8,5%. Una nuova commessa negli Stati Uniti ha permesso a Prysmian di terminare in rialzo dell’1,62%.

Stabile a 115 punti base lo spread Btp-Bund. In serata l’appuntamento è con l’agenzia Moody’s, chiamata ad esprimersi sul nostro merito di credito: attualmente il rating assegnato dall’agenzia all’Italia è Baa3/stabile. (In collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli