Italia markets open in 32 minutes
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0357
    +0,0022 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    16.301,34
    +265,67 (+1,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    400,91
    +12,19 (+3,14%)
     
  • HANG SENG

    18.540,93
    +336,25 (+1,85%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     

Piazza Affari in rialzo, vola Tim sull’onda del Piano Minerva

(Adnkronos) - Inizio di settimana positivo per Piazza Affari, con Milano maglia rosa d’Europa e Wall Street positiva. I giorni che attendono i mercati potrebbero essere molto volatili, visti i diversi interventi in calendario da parte dei rappresentanti di politica monetaria del Board della Fed. Inoltre negli Stati Uniti sono attese le elezioni di midterm, banco di prova per il governo di Joe Biden. Nel frattempo a Sharm el sheik è iniziata la Cop 27, il summit Onu sui cambiamenti climatici, già oggetto di critiche da parte degli ambientalisti.

A Milano il Ftse Mib guadagna lo 0,90% e arriva a 23.158,32 punti. In calo lo spread tra Btp e Bund tedeschi, attorno ai 214 punti base. Sul listino principale di Piazza Affari brilla Tim (+10,65%), che corre in Borsa sull’ipotesi di accelerazione del cosiddetto piano Minerva. Ad esclusione di improvvisi cambiamenti di scenario si va infatti verso la rete unica, secondo la roadmap da mesi prediletta da Fratelli d’Italia. Il piano costerebbe 13 miliardi di euro contro i 15-18 del cosiddetto piano Labriola prima preso in considerazione. In rialzo anche Azimut (+2,62%), Banca Generali (+3,73%), Intesa Sanpaolo (+3,10%), Iveco (+4,02%) e Nexi (+3,73%).

In coda al listino, invece Unicredit (-1,86%). Secondo una ricostruzione del Financial Times l'anno scorso il gruppo bancario avrebbe avuto alcuni contrasti con la Bce sul piano dei dividendi e sulla mancata uscita dalla Russia. In calo anche Ferrari (-0,45%), Italgas (-1,32%), Snam (-1,87%) e Prysmian (-1,42%). (in collaborazione con Money.it)