Italia markets close in 5 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    26.715,56
    +143,83 (+0,54%)
     
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,92 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.600,41
    -204,44 (-0,71%)
     
  • Petrolio

    84,34
    +0,58 (+0,69%)
     
  • BTC-EUR

    53.948,99
    +1.283,78 (+2,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,70 (-3,31%)
     
  • Oro

    1.800,30
    +4,00 (+0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1629
    -0,0016 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    26.132,03
    +5,10 (+0,02%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.193,09
    +4,28 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    -0,0017 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0685
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4376
    -0,0018 (-0,12%)
     

Piazza Affari rimbalza, Ftse Mib senza segni meno

·2 minuto per la lettura

Dopo l’anticipazione arrivata ieri, oggi è stato il giorno del rimbalzo delle borse europee dopo il sell-off registrato in avvio di settimana. Alla vigilia del meeting della Banca Centrale Europea, il nostro Ftse Mib ha registrato un rialzo del 2,36% fermandosi a 24.675,61 punti mentre lo spread Btp-Bund ha segnato un -1,6% a 113 punti base.

All’interno di un comparto bancario in grande spolvero (UniCredit ha evidenziato un +3,06%, Intesa Sanpaolo un +2,64% e Banco BPM un +2,68%) spicca il +3,29% messo a segno da Mediobanca dopo la notizia che Francesco Gaetano Caltagirone detiene una partecipazione indiretta potenziale del 5,055%.

Giornata decisamente positiva anche per STMicroelectronics (+3,97%), salita in scia dei risultati trimestrali di ASML Holding, e +2,59% di Enel. Il colosso elettrico ha annunciato che Enel Finance International riacquisterà obbligazioni per 6 miliardi di dollari “per accelerare ulteriormente -riporta la nota della società- il raggiungimento dei suoi obiettivi legati al rapporto tra le fonti di finanziamento sostenibile e l’indebitamento lordo totale del Gruppo stesso, e per ottimizzare la struttura delle passività del Gruppo mediante una gestione attiva delle scadenze e del costo del debito”.

Tra i titoli legati al made in Italy spicca il +0,74% di Salvatore Ferragamo, che ha chiuso il secondo trimestre con vendite in forte rialzo. A luglio, riporta la nota diffusa dalla società, “prosegue la crescita sostenuta delle vendite nei negozi diretti negli Stati Uniti, in Cina, Korea e America Latina, sia rispetto al 2020 che allo stesso periodo del 2019. La performance retail globale alla seconda settimana di luglio risulta allineata ai livelli pre-Covid”.

Rally anche per Maire Tecnimont (+4,7%) dopo la notizia dell’aggiudicazione, attraverso le sue principali controllate, di nuovi ordini per un valore complessivo pari a circa 92 milioni di dollari. (in collaborazione con money.it).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli