Italia markets closed
  • FTSE MIB

    27.061,40
    -508,60 (-1,84%)
     
  • Dow Jones

    34.265,37
    -450,02 (-1,30%)
     
  • Nasdaq

    13.768,92
    -385,10 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.522,26
    -250,67 (-0,90%)
     
  • Petrolio

    84,93
    -0,62 (-0,72%)
     
  • BTC-EUR

    33.835,70
    -4.035,86 (-10,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    899,65
    +656,98 (+270,72%)
     
  • Oro

    1.831,10
    -11,50 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,1347
    +0,0030 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    4.397,94
    -84,79 (-1,89%)
     
  • HANG SENG

    24.965,55
    +13,20 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.229,56
    -70,05 (-1,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8369
    +0,0052 (+0,62%)
     
  • EUR/CHF

    1,0345
    -0,0029 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4274
    +0,0134 (+0,95%)
     

Piazza Affari in rosso, rendimento in calo nell’asta di Btp

·2 minuto per la lettura

Nuova chiusura in rosso, anche se lontano dai minimi intraday per il listino di Piazza Affari. Dopo gli acquisti di ieri, la direzionalità nella seduta odierna è riconducibile alle parole pronunciate dal Ceo di Moderna, Stephane Bancel, nel corso di un’intervista al Financial Times: i vaccini potrebbero essere bucati dalla nuova variante e per avere un farmaco capace di bloccare anche la nuova versione potrebbero volerci diversi mesi.

Nel giorno in cui Eurostat ha annunciato che a novembre il tasso di inflazione di Eurolandia è salito al 4,9%, il Ftse Mib ha chiuso la seduta in calo dello 0,87% a 25.814,34 punti. Le performance peggiori sono state registrate dagli industriali (-2,75% per Stellantis e -1,94% per CNH Industrial) e dai titoli del comparto energetico (-2,91% di Tenaris e -1,34% di Eni).

In rosso anche Saipem (-1,81%), che ha annunciato la firma di un nuovo contratto con valore complessivo di circa 750 milioni di dollari, e Telecom Italia (-2,36%) dopo i rumor su un presunto coinvolgimento nella partita di Xavier Niel, fondatore e primo azionista di Iliad.

Tra le performance migliori troviamo, per ovvi motivi, l’accoppiata formata da Recordati e Diasorin (+0,87% e +1,97% rispettivamente), UniCredit (+1,14%) e Terna (+1,23%).

Nel giorno in cui il Ministero dell’Economia ha collocato Btp a 5 e 10 anni per 4,25 miliardi di euro e CctEu a 7 anni per 1,5 miliardi, lo spread Btp-Bund ha evidenziato un +1,6% a 131 punti base. Il titolo a cinque anni ha visto il rendimento scendere di 9 centesimi allo 0,19% mentre nel caso del secondo il dato ha evidenziato -2pb all’1,02%. Nel caso del CcTeu 2029, lo yield ha evidenziato un rialzo di 3 pb allo 0,02%. (in collaborazione con money.it).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli