Piazza Affari sempre più in alto. Verso i massimi dell’anno?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
NKE73,390,71
FTSEMIB.MI21.819,48+143,73
F.MI8,740,14
^FCHI4.479,54+28,46

Nuova chiusura in rialzo per le Borse europee che a piccoli passi continuano a muoversi lungo la via dei guadagni, approssimandosi alla pausa natalizia con un bilancio decisamente interessante. Mentre il Dax30 è rimasto più indietro con un rialzo dello 0,19%, sono riusciti a fare meglio il Ftse100 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) che si sono mossi sostanzialmente di pari passo, salendo rispettivamente dello 0,43% e dello 0,44%. Ad avere la meglio su tutti è stata ancora una volta Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) terminare gli scmbi a 16.332 punti, con un progresso dell‘1,1%, dopo aver toccato un massimo a 16.361 e un minimo a 16.165 punti. L’indice ha superato di slancio i recenti massimi di periodo in area 16.200, mettendo sotto pressione l’area dei 16.350 che al momento è rimasta inviolata. Vista la straordinaria forza mostrata dal nostro mercato, che procede speditamente incurante dell’andamento degli altri listini, sia europei che americani, a questo punto sono attesi ulteriori segnali positivi. Al superamento dei 16.350 punti l’indice potrà ambire ad un test dei 16.500, oltrepassati i quali troverà un altro ostacolo in area 16.700, prima di allungare ulteriormente il passo verso i massimi dell’anno di marzo scorso in area 17.000/17.150 punti. La mancata riconquista di area 16.500 e ancor prima la mancata rottura dei 16.350 punti, potrebbero favorire dei ripiegamenti in direzione dei 16.200. Al di sotto di questa soglia la flessione proseguirà verso i 16.000 punti, dove in rima battuta si dovrebbe assistere ad una ripresa degli acquisti. In mancanza di ciò bisognerà mettere in conto delle correzioni più ampie che troveranno un valido sostegno in area 15.800/15.700, sotto il quale la discesa proseguirà verso i 15.500 punti.

, L’idea è che il mercato possa esprimere ancora positività prima della pausa legata alle festività natalizie, ma non dimentichiamo che proprio l’approssimarsi del lungo ponte potrebbe indurre qualche investitore a prendere profitto. In sostanza a chi è fuori dal mercato consigliamo di rinviare l’apertura di nuove posizioni long, mentre chi ha già investito nelle ultime settimane può continuare a mantenere le posizioni in essere, cavalcando il rialzo in atto e difendendolo con opportuni stop loss. La prossima seduta sarà particolarmente ricca di eventi sul fronte macro Usa visto che in calendario troviamo il dato definitivo relativo al Prodotto Interno Lordo del terzo trimestre, per il quale si prevede un rialzo del 2,8% rispetto al 2,7% della seconda lettura e in confronto all‘1,3% del secondo trimestre. Per le nuove richieste di sussidi di disoccupazione le attese parlano di un dato pari a 355mila unità, in crescita rispetto alle 343mila dell’ottava precedente. In agenda anche l’indice Philadelphia Fed che a dicembre dovrebbe attestarsi a -3 punti rispetto alla lettura precedente fermatasi a -10,7 punti. Per il Superindice di novembre le attese parlano di una variazione negativa dello 0,2%, in calo rispetto al rialzo dello 0,2% precedente, mentre l’indice Fhfa, relativo ai prezzi delle case, ad ottobre si prevede un rialzo dello 0,2%, in linea con l’indicazione di settembre. Sempre per domani si segnalano i risultati degil ultimi tre mesi di Research in Motion che, stando alle previsioni, dovrebbero restituire una perdita per azione di 0,33 dollari. Dopo la chiusura dei listini si guarderà anche ai conti di Nike (NYSE: NKE - notizie) che per non deludere le attese dovranno centrare l’obiettivo di un utile per azione pari a 1 dollaro.

, In Europa si guarderà ancora alla Germania con i prezzi alla produzioe di novembre visti in calo dello 0,2%, rispetto alla lettura sulla parità di ottobre. Nel pomeriggio si conoscerà il dato preliminare della fiducia dei consumatori in Europa, per il quale a dicembre le stime parlano di una lettura a -26,5 punti, in lieve peggioramento rispetto a quella di novembre fermatasi a -26,9 punti.

A Piazza Affari i riflettori saranno puntati su Fiat Auto (Milano: F.MI - notizie) visto che saranno diffusi i dati relativi alle vendite di veicoli commerciali in Europa con riferimento al mese di novembre. Uno sguardo anche a Mittel in vista del Cda sul bilancio e da monitorare i titoli del settore petrolifero dopo che i prezzi dell’oro nero si stanno spingendo in direzione dei 90 dollari al barile.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 24 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 24 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 24 apr 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 24 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 24 apr 22:32 CEST
Nikkei 225 14.507,26 0,71% 04:33 CEST

Ultime notizie dai mercati