Piazza Affari si avvicina a degli ostacoli di rilievo. E ora?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^FCHI4.454,32-29,89
HSBA.L611,80-3,10

Vieni ad imparare il 7 dicembre a Napoli al ITForum, ed approfondire tutte le nuove tecniche per muoverti con sicurezza anche sui mercati deboli. E' un'occasione da non perdere per confrontarti con i migliori big trader che operano con successo anche sui mercati in crisi. Consulta il programma! La settimana si è conclusa in maniera contrastata per le Borse europee che si sono presentate al close precedute da segni diversi. Dopo aver trascorso l’intera seduta in positivo, gli indici del Vecchio Continente hanno ritracciato nel finale trascinati al ribasso da Wall Street e così solo il Dax30 ha salvato il segno più, con un frazionale rialzo delllo 0,06%, mentre il Ftse100 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) sono scesi rispettivamente dello 0,06% e dello 0,33%. Ad avere la peggio è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) fermarsi a 15.808,24 punti, sui minimi intraday, con una flessione dello 0,5%, dopo aver toccato un massimo a 15.940 punti. Malgrado la discesa di venerdì, la settimana si è conclusa con un bilancio positivo visto che l’indice ha guadagnato l‘1,11% rispetto al close del venerdì precedente. Il Ftse Mib si è dapprima scontrato in due occasioni con l’area dei 15.700 dalla quale è stato respinto, scendendo fino alla soglia dei 15.250. Da questo livello sono ripartiti gli acquisti che hanno portato le quotazioni a poca distanza dalla soglia psicologica dei 16.000 punti, l’avvicinamento della quale ha fatto scattare alcune prese di profitto in direzione dei 15.800. L’intonazione del mercato si conferma positiva nel brevissimo, ma sarà da valutare già in avvio di settimana se l’indice riuscirà ad avere la forza per avvicinare nuovamente e ancor più superare l’area dei 16.000 punti. In caso di esito positivo la strada al rialzo sarà spianata verso i 16.250 prima e in seguito in direzione dei 16.500, dove si dovrebbe assistere ad un ritorno delle vendite almeno in prima battuta.

, Il mancato superamento di area 16.000 porterà da subito nuove vendite che al di sotto dei 15.800 troveranno un primo supporto in area 15.700. Il cedimento di questa soglia di prezzo potrebbe portare ad un’accelerazione ribassista in direzione dei 15.500/15.450, dove verrà chiuso un gap-up lasciato aperto nella giornata di giovedì scorso.

Negativo sarà l’abbandono dei 15.500/15.450, sotto cui la flessione proseguirà con obiettivo i 15.250, senza escludere estensioni ribassiste fino alla soglia dei 15.000 punti. La nostra ipotesi è che il mercato possa anche riprovare a testare i 16.000 punti, il superamento dei quali però potrebbe richiedere prima un ritracciamento più corposo di quello visto fino ad ora, con possibile test di area 15.500/15.450, da dove dovrebbero ripartire gli acquisti. Per la prima seduta della prossima settimana sul fronte macro Usa si segnala l’indice ISM manifatturiero che in riferimento al mese di novembre dovrebbe attestarsi a 51,4 punti, rispetto ai 51,7 della rilevazione precedente. La spesa per le costruzioni ad ottobre dovrebbe mostrare un rialzo dello 0,4%, in frenata rispetto allo 0,6% della lettura di settembre. In agenda anhe un discorso di James Bullard, presidente della Fed di St.Louis e a prendere la parola sarà anche Eric Rosengren, a capo della Fed di Boston. In Europa si guarderà al dato definitivo dell’indice PMI manifatturiero di novembre che dovrebbe attestarsi a 46,2 punti, in linea con l’indicazione preliminare, ma in rialzo rispetto ai 45,4 della lettura di ottobre. In Germania si guarderà all’asta dei titoli di Stato con scadenza a sei mesi che saranno offerti per un ammontare massimo di 3 miliardi di euro.

, Da segnalare che lunedì alle ore 17 avrà inizio una nuova riunione dell’Eurogruppo. In avvio di settimana nella notte tra domenica e lunedì in Cina sarà diffuso il dato definitivo dell’indice PMI manifatturiero HSBC (Londra: HSBA.L - notizie) che a novembre dovrebbe attestarsi a 50,4 punti, in linea con l’indicazione preliminare e in rialzo rispetto ai 49,5 del mese precedente. A Piazza Affari saranno da seguire i titoli del settore petrolifero sulla scia del rialzo dei prezzi del petrolio in direzione degli 89 dollari al barile. Sempre lunedì Digital Bros (Berlino: DB7.BE - notizie) staccherà il dividendo ordinario nella misura di 0,07 euro per azione.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.740,33 0,89% 16:34 CEST
Eurostoxx 50 3.180,16 0,61% 16:19 CEST
Ftse 100 6.669,18 0,19% 16:19 CEST
Dax 9.549,33 0,53% 16:19 CEST
Dow Jones 16.500,27 0,09% 16:34 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati