Italia markets close in 7 hours 2 minutes
  • FTSE MIB

    23.134,87
    -129,99 (-0,56%)
     
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • Petrolio

    60,05
    -0,59 (-0,97%)
     
  • BTC-EUR

    40.930,57
    +1.585,25 (+4,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    987,16
    +0,51 (+0,05%)
     
  • Oro

    1.721,20
    -1,80 (-0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2006
    -0,0054 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     
  • HANG SENG

    29.095,86
    -356,71 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.690,07
    -16,55 (-0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8658
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1023
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5229
    -0,0003 (-0,02%)
     

Piazza Affari si prende una pausa dopo striscia rialzi

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari si prende una pausa di riflessione e interrompe la striscia positiva di rialzo registrata nelle ultime sedute, nonostante i guadagni dei listini asiatici dopo la chiusura record di Wall Street. L'indice Ftse Mib ha aperto la seduta in calo e ora mostra una leggera flessione dello 0,15% a 23.390 punti circa. Ieri l'indice Ftse Mib ha chiuso con un balzo dell'1,48% a 23.425 punti, continuando a sovraperformare grazie alle attese per la formazione del governo Draghi, che potrebbe concretizzarsi entro questa settimana. L'indice è così balzato ai nuovi massimi a quasi un anno. Tra i singoli titoli guadagna la vetta del Ftse Mib DiaSorin che sale dell'1,7%, tallonata da Campari e Moncler che mostrano dei rialzi di poco inferiori all'1 per cento. Sul fondo del listino Unipol che cede circa l'1,3% in compagnia di Buzzi Unicem che segna un calo dell'1,5 per cento. Poco mosso anche il titolo Creval che registra un lieve rialzo dello 0,3% dopo la pubblicazione dei risultati finanziari. Diversi invece gli appuntamenti sul fronte societario, con i cda di Banca Mps, Banco Bpm, Buzzi Unicem, FinecoBank e Mediobanca per l'approvazione dei conti.