Piazza Affari si riscatta con grinta: sarà vera gloria?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^FCHI4.389,90+44,55

L’ultima seduta della settimana si è chiusa in bellezza per le Borse europee che sono riuscite a muoversi ancora lungo la via dei guadagni, anche se con bassi volumi di scambio per via del clima semifestivo in America. Il Ftse100 si è apprezzato dello 0,48%, ma sono riusciti a fare meglio il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) e il Dax30 che si sono mossi quasi di pari passo, salendo rispettivamente dello 0,87% e dello 0,89%. In positivo anche Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) chiudere le contrattazioni a 15.635 punti, con un progresso dello 0,53%, dopo aver toccato un massimo a 16.656 e un minimo a 15.431 punti. decisamente positivo il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice ha messo a segno un riazlo del 5,25% rispetto al close del venerdì precedente. In avvio di settimana il Ftse Mib ha recuperato con slancio l’area dei 15.000 punti, proseguendo in seguito la sua ascesa che ha visto qualche incertezza a ridosso dei 15.400. La tenuta di questo livello, in ben due occasioni, ha permesso l’allungo nell’ultima seduta della settimana poco sopra i 15.600. Da segnalare che il rialzo delle ultime due sedute è avvenuto con bassi volumi di scambio, per cui la bontà di questo movimento dovrà essere confermata in avvio della prossima settimana. Se con un ritorno più deciso degli investitori si assisterà ad una prosecuzione del rialzo, allora il Ftse Mib, superata la soglia dei 15.700 punti, potrà ambire ad un allungo verso i 15.850 prima e in seguito in direzione ell’importante soglia psicologica dei 16.000 punti, in corrispondenza della quale si dovrebbe assistere ad un ritorno delle vendite almeno in prima battuta. Il mancato superamento di area 15.700 o una falsa rottura di questo livello potrebbe imporre una pausa al rialzo del mercato. In tal caso sono probabili ripiegamenti verso i 15.500 punti, ma il supporto più rilevante da monitorare sarà quello dei 15.400. Eventuali discese al di sotto di questa soglia di prezzo apriranno le porte a ripiegamenti più marcati verso i 15.250/15.200 e in seguito in direzione dei 15.000 punti. Con il cedimento anche di questa soglia di prezzo sarà inevitabile una prosecuzione delle vendite verso i 14.800 punti, già lambiti nella sessione di venerdì 16 novembre.

, Ricordiamo che in avvio di settimana la seduta sarà condizionata dalla riunione dell’Eurogruppo che dovrà deliberare in merito agli aiuti alla Grecia. I mercati hanno già scommesso su un via libera e in caso di esito positivo non è da escludere che si possa assistere al classico caso di sell on news, dopo gli acquisti realizzati sui rumors nei giorni scorsi. Per la prima seduta della prossima settimana non si segnalano aggiornamenti macro di rilievo in America, fatta eccezione per l’indice Chicago Fed, relativo all’attività nazionale. In Europa, come anticipato in apertura, l’evento clou sarà la riunione dell’Eurogruppo, in agenda alle ore 12.30, per decidere in merito alla nuova tranche di aiuti alla Grecia. Da seguire in Germania l’asta dei titoli di Stato con scadenza a 12 mesi, per un ammontare massimo di 3 miliardi di euro. A Piazza Affari segnaliamo che STM staccherà il dividendo pari a 0,13 dollari per azione. Da seguire anche i titoli del settore petrolifero dopo che i prezzi dell’oro nero sono saliti al di sopra degli 88 dollari al barile.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.330,79 +2,47% 15:03 CEST
Eurostoxx 50 3.126,53 +1,13% 14:49 CEST
Ftse 100 6.572,33 0,47% 14:49 CEST
Dax 9.271,52 +1,07% 14:49 CEST
Dow Jones 16.262,56 15 apr 22:34 CEST
Nikkei 225 14.417,68 +3,01% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati