Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,98
    -2,11 (-2,29%)
     
  • BTC-EUR

    23.577,89
    -780,63 (-3,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,78
    +0,49 (+0,09%)
     
  • Oro

    1.798,10
    -17,40 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0208
    -0,0049 (-0,48%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.785,58
    +8,77 (+0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8451
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    0,9653
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,3136
    +0,0035 (+0,26%)
     

Piazza Affari in solido rialzo, denaro su Moncler e Stellantis

(Adnkronos) - Seduta di guadagni per Piazza Affari. All’indomani del meeting in cui la Federal Reserve ha alzato, come da attese, il costo del denaro di 75 punti base, e nel giorno in cui le indicazioni macroeconomiche hanno certificato l’entrata in recessione tecnica della prima economia (dopo il -1,6% dei primi tre mesi, nel secondo trimestre il Pil Usa è sceso dello 0,9%), la borsa di Milano ha terminato in solido territorio positivo.

Grazie alle indicazioni arrivate dalle trimestrali, Moncler ha registrato un incremento dell’8,04% mentre Stellantis ha segnato un +4,92%. La prima ha chiuso il primo semestre con ricavi per 918,4 milioni, +46% a cambi costanti, mentre i conti della seconda hanno evidenziato un aumento dei ricavi e della redditività (e la società ha confermato la guidance per l’esercizio 2022).

Tra le società che sul Ftse Mib (+2,1% a 21.932,06 punti) hanno presentato i conti troviamo anche Stmicroelectronics (+3,63%), Prysmian (+5,59%) e Poste Italiane (-0,84%). Giornata decisamente positiva anche per Iveco (+6,62%), che ha approfittato della pubblicazione dei numeri del Q2 per migliorare la guidance sull’intero esercizio.

Nel comparto bancario Intesa Sanpaolo ha chiuso con un +1,71%, UniCredit (-0,97%) è stata vittima delle prese di beneficio dopo l’incremento di oltre 8 punti percentuali di ieri e Bper Banca (+0,23%) non ha capitalizzato la revisione al rialzo dell’outlook da parte dell’agenzia S&P.

All’indomani della revisione al ribasso delle prospettive sul nostro merito di credito sovrano, sempre da parte di S&P, lo spread non ha fatto registrare variazioni di rilievo confermandosi in quota 240 punti base (241pb, -1%).

Oggi il Ministero dell’economia ha collocato Btp a 5 e 10 anni e Ccteu a 7 anni: il quinquennale ha evidenziato un rendimento in aumento di 7 punti base al 2,82%, il decennale ha visto il rendimento scendere di 1 punto al 3,46% e nel caso del Ccteu il dato è salito di 39c all’1,26%. (In collaborazione con Money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli