Italia markets close in 1 hour 44 minutes
  • FTSE MIB

    27.017,38
    +519,31 (+1,96%)
     
  • Dow Jones

    35.633,12
    +406,09 (+1,15%)
     
  • Nasdaq

    15.565,32
    +340,17 (+2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.455,60
    +528,23 (+1,89%)
     
  • Petrolio

    71,60
    +2,11 (+3,04%)
     
  • BTC-EUR

    45.730,37
    +2.485,22 (+5,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.328,52
    +7,24 (+0,55%)
     
  • Oro

    1.782,20
    +2,70 (+0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1247
    -0,0039 (-0,35%)
     
  • S&P 500

    4.665,95
    +74,28 (+1,62%)
     
  • HANG SENG

    23.983,66
    +634,28 (+2,72%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.241,61
    +104,50 (+2,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8500
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0406
    -0,0035 (-0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,4246
    -0,0148 (-1,03%)
     

Piazza Affari, Unicredit e Mps salgono in vista delle nozze

·1 minuto per la lettura

Chiusura di settimana e di mese sotto la parità per Piazza Affari, dove a monopolizzare l’attenzione ci ha pensato la notizia delle trattative in esclusiva tra UniCredit (+2,8%) ed il Ministero dell’economia per le attività commerciali di Banca Mps (+3,35%).

La banca di Piazza Gae Aulenti ha annunciato di aver approvato con il Tesoro “i presupposti per una potenziale operazione avente ad oggetto le attività commerciali di MPS, attraverso la definizione di un perimetro selezionato e di adeguate misure di mitigazione del rischio”. Con questa finalità, le due entità “avvieranno interlocuzioni in esclusiva per verificare la fattibilità dell’operazione”.

L’istituto milanese ha inoltre fatto sapere di aver chiuso il secondo trimestre con un utile netto contabile di 1,03 miliardi, più che raddoppiato rispetto ai 420 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso, confermando per l’intero 2021 una guidance di oltre 3 miliardi.

Sul Ftse Mib, che ha chiuso a 25.363,02 punti (-0,6%), la crescita dell’utile semestrale da 60 a 177 milioni ha permesso a Leonardo di chiudere con un +1,13%. Tra gli energetici, giornata di conti anche per Eni (+0,1%) e Saipem (-4,44%): il Cane a sei zampe ha terminato il secondo trimestre con un utile netto di 0,93 miliardi mentre nel caso di Saipem l’ultima riga di conto economico ha evidenziato un rosso semestrale di 779 milioni.

Meno 2,93% per Enel. Il colosso elettrico ha chiuso i sei mesi con ricavi e redditività in calo ma con investimenti in netto aumento. Il management ha confermato i target finanziari sull’esercizio corrente. (in collaborazione con money.it).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli