Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.506,56
    -829,01 (-2,93%)
     
  • Nasdaq

    11.284,33
    -263,95 (-2,29%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1827
    -0,0041 (-0,34%)
     
  • BTC-EUR

    10.924,71
    -174,37 (-1,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,69
    -5,72 (-2,17%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.380,84
    -84,55 (-2,44%)
     

Picchiato perché non li invita a festa: perde occhio, tre arresti

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Era stato aggredito e picchiato davanti alla fidanzata da due fratelli pugili perché non li aveva invitati a una festa. E’ questo il motivo dietro l’aggessione subita da un 28enne di Ladispoli, vicino Roma, che per le botte ricevute la sera del 20 luglio scorso ha perso un occhio.

I due fratelli, insieme al cognato, sono stati arrestati stamattina dai carabinieri della compagnia di Civitavecchia per lesioni personali gravissime. Le indagini sono scattate dalla denuncia presentata dalla vittima a fine luglio ai carabinieri della stazione di Ladispoli.

Gli investigatori, anche tramite le dichiarazioni di alcuni testimoni, hanno accertato che la vittima conosceva gli aggressori poiché iscritti alla stessa palestra. Quella sera il ragazzo era in compagnia della fidanzata quando ha incontrato la sorella degli aggressori che li ha avvisati di essere in compagnia del 28enne. Così i due si sono recati sul posto e l'hanno aggredito improvvisamente mentre la sorella (indagata per violenza privata) impediva alla fidanzata di intervenire in suo aiuto.

VIDEO - Aggressione e difesa: la presentazione shock di Cionek alla Reggina

Stando alle ricostruzioni, uno dei due fratelli nutriva rancore nei confronti del 28enne perché, dopo aver interrotto il rapporto di amicizia con lui per i suoi comportamenti, non li avrebbe invitati a una festa. Dopo tale "affronto" uno dei fratelli avrebbe minacciato con messaggi la vittima, fino alla sera del pestaggio.

Uno degli arrestati ha precedenti per reati conto la persona, contro il patrimonio e per uso di stupefacenti.