Italia markets close in 29 minutes
  • FTSE MIB

    24.215,84
    +150,79 (+0,63%)
     
  • Dow Jones

    31.081,55
    -171,58 (-0,55%)
     
  • Nasdaq

    11.329,50
    -59,00 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,95
    +0,74 (+0,66%)
     
  • BTC-EUR

    27.961,71
    -508,89 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    658,78
    -14,59 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.837,70
    -3,50 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0560
    -0,0028 (-0,26%)
     
  • S&P 500

    3.883,63
    -17,16 (-0,44%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.674,67
    +34,12 (+0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8469
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0297
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3543
    -0,0025 (-0,19%)
     

Picchiavano i compagni di classe in una scuola di Milano per postarli su Telegram, oltre 100mila visualizzazioni

·1 minuto per la lettura

Due ragazzi picchiati per mesi senza motivo mentre venivano ripresi col cellulare dai propri bulli, compagni di classe. I presunti responsabili, sei ragazzi di 16 anni, postavano poi i video delle violenze su Telegram, dove hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. Le aggressioni avvenivano sia fuori scuola che dentro, anche in presenza dei docenti. I sei minorenni, residenti a Rho, in provincia di Milano, sono stati denunciati ai carabinieri da una delle due vittime, affetta da disturbo di iperattività. Uno dei sei, dopo la denuncia, è stato espulso dalla scuola e, dopo gli accertamenti, tutti hanno ricevuto delle sanzioni. Uno è stato mandato in comunità, un altro ha l'obbligo di restare a casa e ai restanti è stato imposto di rimanere a casa in orari serali e notturni, di frequentare la scuola con impegno e profitto e mantenere un comportamento corretto con i compagni, gli insegnanti e la famiglia. Sono in corso accertamenti su eventuali altre vittime di atti di bullismo, con lo stesso modus operandi, dal gruppo di giovani indagati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli