Italia markets open in 8 hours 4 minutes
  • Dow Jones

    31.176,01
    -12,39 (-0,04%)
     
  • Nasdaq

    13.530,92
    +73,67 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,56 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2170
    +0,0055 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    25.468,38
    -3.382,28 (-11,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    608,80
    -71,11 (-10,46%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,74 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,07
    +1,22 (+0,03%)
     

Piemonte zona arancione "tra 1 e 3 dicembre"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

''Il Piemonte sta uscendo dalla zona rossa, tra pochi giorni saremo arancioni''. Il presidente del Piemonte, Alberto Cirio, prevede il passaggio della regione alla zona arancione, con restrizioni meno severe e misure meno rigide in relazione all'emergenza coronavirus. "Io penso che saremo arancioni tra l'1 e il 3 di dicembre perchè l'Rt quando andammo in zona rossa era 2.16 e nell'ultimo report di venerdì era di 1.1 il che significa che il contachilometri del contagio ha rallentato e rallentato molto'', dice Cirio a 'Un giorno da pecora' su Rai Radio 1.

Sulla riapetura degli impianti di sci ''nessuna fuga in avanti come Regione. Quello che è successo questa estate sulle spiagge mi preoccupa, quindi non vogliamo che si ripeta d'inverno pero' che meritiamo un momento di confronto con il Governo per capire se c'e' un punto di equilibrio', aggiunge.

''Se c'è un punto di equilibrio per cui si può sciare in sicurezza il Comitato tecnico scientifico ce lo dica e noi lo rispetteremo, se non c'e' valutino economicamente gli aiuti a chi non può stare aperto'', afferma, ricordando che la Conferenza delle Regioni ha messo a punto ''un documento con regole di condotta molto serie e rigorose che si possono rispettare naturalmente alla luce dell'evoluzione del contagio la cui valutazione deve essere fatta a livello nazionale per questo chiediamo un momento di confronto''.