Italia markets close in 17 minutes
  • FTSE MIB

    25.857,81
    -183,74 (-0,71%)
     
  • Dow Jones

    34.674,63
    -461,31 (-1,31%)
     
  • Nasdaq

    15.586,33
    -196,50 (-1,25%)
     
  • Nikkei 225

    27.821,76
    -462,16 (-1,63%)
     
  • Petrolio

    67,07
    -2,88 (-4,12%)
     
  • BTC-EUR

    50.852,75
    -111,28 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.459,58
    +16,80 (+1,16%)
     
  • Oro

    1.781,60
    -3,60 (-0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1271
    -0,0022 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    4.597,33
    -57,94 (-1,24%)
     
  • HANG SENG

    23.475,26
    -376,98 (-1,58%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,09
    -29,42 (-0,72%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    +0,0040 (+0,47%)
     
  • EUR/CHF

    1,0401
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4434
    +0,0047 (+0,33%)
     

Pierfrancesco Favino presenta «Promises»

·1 minuto per la lettura

Pierfrancesco Favino ha sfilato alla Festa del Cinema di Roma per presentare un protagonista maschile intensamente romantico.

Si tratta del suo ultimo ruolo per il film «Promises»: dramma sentimentale scritto e diretto dalla francese Amanda Sthers la quale, oltre che sceneggiatrice e regista, è anche autrice del romanzo del 2015 da cui è tratto il film.

«Ho scritto il libro senza pensare che ne avrei fatto un film, ma quando ho pensato di voler fare un film su una storia d'amore e ho iniziato a scavare su questo tema, mi sono ricordata di averla già scritta», ha dichiarato Amanda Sthers in conferenza stampa.

Il volto maschile del film è Favino, che recita interamente in inglese (e presta la voce a se stesso nella versione doppiata in italiano). Il suo personaggio si chiama Alexander, un uomo diviso tra passato e presente così come lo è tra Italia e Inghilterra, che rovina la propria famiglia - moglie e una figlia - innamorandosi di Laura (Kelly Reilly), una gallerista che sta per sposarsi.

«Non posso fare a meno di abbracciare il personaggio», rivela Pierfrancesco Favino a cinefilos.it.

«Alexander sarà sempre dentro di me dal punto di vista affettivo. Farei di tutto per salvare Alexander. Farei di tutto per salvare il "Libanese"».

E, rinunciando a dire altro sul suo carattere cinematografico, spiega: «Devo lasciar libero lo spettatore di farsi il suo film, non imporgli il mio. Per far questo c'è bisogno che l'attore maturi anche un po' di stanchezza, che non abbia sempre la pallottola in canna e dia allo spettatore il ruolo che deve avere».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli