Italia markets open in 7 hours 49 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2051
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    41.360,11
    +2.963,29 (+7,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Pil Italia, da FMI maxi taglio ad outlook 2021: prevista crescita +3% rispetto a +6% NaDef

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Altro che crescita del 6% nel 2021. Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime sull'espansione del Pil italiano relativa a quest'anno di 2,2 punti percentuali, ad appena +3%. L'FMI ha però migliorato le previsioni per il 2022, prevedendo una crescita del 2022, 1% circa meglio del precedente outlook di ottobre. Per il 2020 l'Fmi stima una flessione del prodotto interno lordo dell'Italia del 9,2%, meglio del -10,6% stimato qualche mese fa. Lo scorso 20 gennaio, il ministro dell'economia Roberto Gualtieri aveva riconosciuto la presenza di "rischi al ribasso per la previsione programmatica 2021 (che punta a un rialzo del Pil pari a +6%)". "Tuttavia - aveva continuato il titolare del Tesoro - se la campagna di vaccinazione proseguirà secondo le previsioni e se da un lato gli interventi di politica economica definiti dalla legge di bilancio e integrati dalle misure di sostegno del prossimo decreto, e dall'altro gli investimenti previsti nel Recovery Plan saranno tempestivamente attuati, il risultato di crescita di quest'anno non risulterà molto inferiore a quanto previsto nella Nadef". Sempre qualche giorno fa Gualtieri aveva detto di essere fiducioso sulla possibilità che il Fondo Monetario Internazionale potesse migliorare le stime (quelle del 2020 e del 2022 sono di fatto migliori, sicuramente non quella del 2021).