Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.856,95
    -176,72 (-0,52%)
     
  • Nasdaq

    14.181,07
    +141,39 (+1,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1918
    -0,0083 (-0,69%)
     
  • BTC-EUR

    31.772,92
    -1.164,25 (-3,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,12
    -31,76 (-3,27%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.226,81
    +3,11 (+0,07%)
     

PIL Italia: evitata recessione tecnica, verso accelerazione in 2° trimestre grazie a 'rischio calcolato' su riaperture (analisti)

·1 minuto per la lettura

Indicazioni positive oggi per l'economia italiana. Il PIL segna a sorpresa un marginale rialzo (+0,1% t/t) nel 1° trimestre 2021 rispetto alla prima stima che era stata di -0,4%. I dati rivisti del PIL del primo trimestre sono stati una sorpresa positiva, principalmente nella componente degli investimenti. Indicazioni che lasciano ben sperare per il trimestre in corso e per la seconda metà dell'anno. Guardando al futuro, le prospettive economiche a breve termine sembrano più rosee. Paolo Pizzoli, senior economist di Ing, vede adesso la possibilità che nel 2021 l'Italia cresca più del 4%. Indicazioni simili arrivano dal fronte del PMI, con l'indice manifatturiero che ha raggiunto 62,2 a maggio, il valore più alto dall'inizio della serie. Il “rischio calcolato” assunto dal presidente del Consiglio Mario Draghi nell'annunciare riaperture accelerate in concomitanza con vaccinazioni più veloci sta dando i suoi frutti. I dati sul contagio hanno continuato a diminuire e anche i nuovi ricoveri in terapia intensiva sono diminuiti costantemente. "Sviluppi così incoraggianti non sarebbero stati possibili senza la forte accelerazione delle vaccinazioni, che si sono stabilizzate a 500.000 al giorno", asserisce Pizzoli. "L'altro fattore positivo per le prospettive risiede nel Recovery Fund - aggiunge Pizzoli - . Ora che la procedura di autofinanziamento ha ricevuto l'approvazione parlamentare da tutti i membri dell'UE, non dovrebbero più esserci ostacoli esterni a fermare l'erogazione delle prime tranche anticipate entro la fine di settembre. La sfida attuativa diventerà ora di natura domestica e richiederà il rigoroso rispetto dell'ambizioso piano di riforma concordato dal Parlamento italiano e presentato alla Commissione UE".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli