Italia markets close in 5 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    21.173,68
    +107,13 (+0,51%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,30
    -0,44 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    19.812,79
    -51,20 (-0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    438,75
    -5,78 (-1,30%)
     
  • Oro

    1.652,70
    -2,90 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    0,9669
    -0,0019 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.346,83
    -1,77 (-0,05%)
     
  • EUR/GBP

    0,9007
    +0,0074 (+0,83%)
     
  • EUR/CHF

    0,9537
    +0,0028 (+0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,3180
    +0,0011 (+0,09%)
     

Pil Italia, Istat rialza stima: +4,7% su anno

(Adnkronos) - Pil Italia, nel secondo trimestre del 2022 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e del 4,7% nei confronti del secondo trimestre del 2021. Lo rileva l'Istat nei conti economici. La variazione acquisita del Pil per il 2022 è pari a +3,5%.

La crescita congiunturale del Pil diffusa in stima preliminare il 29 luglio 2022 era risultata dell’1% mentre quella tendenziale del 4,6%, ricorda l'Istat. Il secondo trimestre del 2022 ha avuto una giornata lavorativa in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al secondo trimestre del 2021.

Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna sono in ripresa, con un aumento dell’1,7% sia dei consumi finali nazionali, sia degli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono aumentate, rispettivamente, del +3,3% e del +2,5%.

La domanda nazionale al netto delle scorte ha fornito un contributo positivo di 1,6 punti percentuali alla crescita del Pil: +1,5 i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private ISP, +0,4 gli investimenti fissi lordi, mentre la spesa delle Amministrazioni Pubbliche (AP) ha dato un contributo negativo pari a -0,2 punti percentuali. La variazione delle scorte ha contribuito negativamente alla variazione del Pil per -0,3 punti percentuali, così come la domanda estera netta, il cui contributo è risultato pari a -0,2 punti percentuali. Si registrano andamenti congiunturali positivi per il valore aggiunto di industria e servizi pari rispettivamente all’1,4% e all’1%, mentre l’agricoltura registra una diminuzione dell’1,1%.