Italia markets close in 4 hours 42 minutes
  • FTSE MIB

    22.292,55
    +91,11 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,29
    -0,42 (-0,92%)
     
  • BTC-EUR

    14.084,53
    -328,03 (-2,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    328,16
    -42,36 (-11,43%)
     
  • Oro

    1.809,40
    -1,80 (-0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1929
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.524,49
    +13,55 (+0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8951
    +0,0035 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0822
    +0,0025 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,5491
    -0,0010 (-0,07%)
     

Pil italiano in ripresa (+16,1%)

Redazione
·1 minuto per la lettura
Pil italiano in ripresa (+16,1%)
Pil italiano in ripresa (+16,1%)

Il Prodotto interno lordo, secondo i dati Istat, cresce più delle attese, riportando la crescita italiana ai livelli del 2015. Resta negativa la variazione su base annua (-4,7%)

Il Prodotto interno lordo italiano torna a crescere del 16,1% nel terzo trimestre 2020, rispetto ai tre mesi precedenti. La stima dell’Istat tiene conto che, a causa delle flessioni dei precedenti due trimestri causa Covid, nel confronto con lo stesso periodo del 2019 la variazione resta negativa del 4,7%.

IL RECUPERO DELL’ULTIMO TRIMESTRE

Il sensibile recupero del Pil nel terzo trimestre, sottolinea l’Istat, riporta il volume del Prodotto interno lordo ai livelli registrati nella prima metà del 2015. La variazione acquisita per il 2020 è pari a -8,2%. Il terzo trimestre ha avuto quattro giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2019.

BENE AGRICOLTURA, INDUSTRIA E SERVIZI

La variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria, sia in quello dei servizi. “La ripresa è diffusa a tutti i comparti economici e dal lato della domanda è trainata sia dalla componente nazionale (al lordo delle scorte), sia dalla componente estera”, si legge nel commento dell’Istat.

AI LIVELLI DEL 2015

L’Istituto di statistica ha aggiunto che “il marcato recupero del terzo trimestre riporta il volume del Pil ai livelli registrati nella prima metà del 2015”. Rivisto il dato del secondo trimestre su base tendenziale a -17,9%, confermando la variazione congiunturale di -13%.