Italia markets close in 4 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    24.416,09
    -24,79 (-0,10%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,30
    +2,06 (+2,67%)
     
  • BTC-EUR

    15.919,50
    +177,07 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,29
    +10,00 (+2,63%)
     
  • Oro

    1.768,40
    +13,10 (+0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,0376
    +0,0031 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,50
    +6,99 (+0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8638
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    0,9854
    +0,0041 (+0,42%)
     
  • EUR/CAD

    1,3946
    -0,0003 (-0,03%)
     

Pil: Osservatorio Faini, lieve contrazione a ottobre -0,1% su mese

(Adnkronos) - Nel mese di ottobre l'aggiornamento della stima del pil reale mensile indica una flessione dell'attività del -0,1% m/m, dopo una crescita sopra le attese nel terzo trimestre pari allo 0,5%, secondo quanto diffuso dall’Istat con la stima preliminare del 31 ottobre. A rivelarlo è l’analisi elaborata per l'Adnkronos della Fondazione Tor Vergata, diretta da Beniamino Quintieri, attraverso il suo Osservatorio Faini, creato in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che elabora e commenta - ogni mese - i risultati del pil reale per singolo mese.

In particolare, il dato trimestrale è risultato superiore alle stime che il modello aveva prodotto per i mesi estivi, comportando così una revisione al rialzo del profilo mensile, soprattutto per i mesi di luglio e agosto, tale da rivedere la variazione tendenziale di settembre al 2,4%, dal - 0,2% della precedente stima.

La lieve contrazione mensile del pil in ottobre, oltre a risentire del calo della produzione industriale di settembre (-1,8% m/m) dopo due mesi di marcata espansione (2,3% in agosto e 0,4% in luglio), riflette la riduzione del traffico pesante e il peggioramento dei consumi elettrici delle imprese energivore, segnali che delineano un quadro macroeconomico gravato dalle conseguenze dell'inflazione e dall’indebolimento del ciclo internazionale.

Gli indicatori prospettici sembrano confermare tale scenario: il clima di fiducia dei consumatori in ottobre registra un nuovo peggioramento, condizionato dalla percezione dell’elevata persistenza dell’inflazione; nel dettaglio dei settori produttivi, il clima di fiducia delle imprese dell'industria, del commercio e delle costruzioni ripiegano. Fa eccezione il comparto dei servizi, che registra una sostanziale stabilità. Il progressivo deterioramento ciclico emerge inoltre dagli indici PMI di ottobre, ancora al disotto della soglia di espansione.

“La stima flash dell’Istat per il terzo trimestre è stata molto superiore alle proiezioni dell’indicatore del pil mensile, segnalando una crescita dello 0,5% sul periodo precedente e portando al 3,9% la crescita annuale acquisita al 3T,” commenta Riccardo Barbieri, Capo Economista del Tesoro. “Di conseguenza, con il rilascio odierno il sentiero del pil mensile viene rivisto al rialzo, segnalando tuttavia una lieve contrazione (-0,1% m/m) per il mese di ottobre, che è coerente con le indicazioni provenienti da altri modelli di nowcasting.”