Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.547,68
    -1.146,23 (-3,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Pininfarina Engineering in liquidazione, per Fim Cisl è sciopero

·1 minuto per la lettura

Torino, 27 ott. (askanews) - Otto ore di sciopero domani contro la decisione della Pininfarina di mettere in liquidazione la controllata Pininfarina Engineering, con la conseguente perdita di 138 posti di lavoro. A proclamare lo sciopero è la Fim Cisl di Torino, che farà assemblea e presidio ai cancelli della Pininfarina a Cambiano (Torino). Secondo la Fim, la decisione è stata assunta dall'azienda a causa di una perdita di 150 milioni di euro correlata a due progetti che non andranno in porto, uno in Iran e uno a Hong Kong. "L'azienda dichiara di avere grosse difficoltà a permanere nel settore ingegneria meccanica poichè le condizioni economiche non sono sostenibili in una logica di mercato molto competitiva", spiegano dal sindacato. "Dopo la vicenda dello stabilimento Bairo - sottolinea Arcangelo Montemarano della Fim torinese - un'altra pessima notizia per i lavoratori del gruppo e per tutto il territorio torinese. Sicuramente da un'azienda così prestigiosa ci saremmo attesi una politica di investimento in grado di svoltare verso l'elettrico o su nuovi segmenti di mercato senza dover ricorrere alla messa in liquidazione che lascia senza alternativa i lavoratori". "Abbiamo chiesto all'azienda - aggiunge Montemarano - di assumersi le proprie responsabilità sociali. Questa scelta mette in grave difficoltà i lavoratori e le loro famiglie. Auspichiamo che nei prossimi incontri si riveda la posizione manifestata oggi, cercando percorsi alternativi".