Italia markets close in 6 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    24.559,23
    +30,54 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,66
    +0,20 (+0,32%)
     
  • BTC-EUR

    51.244,68
    -1.778,36 (-3,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.364,50
    -16,45 (-1,19%)
     
  • Oro

    1.766,40
    -0,40 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1983
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.006,14
    +12,71 (+0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8704
    +0,0021 (+0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,1019
    -0,0014 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4984
    -0,0026 (-0,17%)
     

Pioggia di zone rosse. Già si guarda oltre il Dpcm

Luciana Matarese
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
Ospedale (Photo: ansa)
Ospedale (Photo: ansa)

Zone rosse a go go”, per dirla con una fonte di governo. E, per attivarle e far scattare prima le restrizioni, una possibile revisione dei criteri utilizzati finora. Per ora è solo un’ipotesi, ma tenuta in considerazione qualora l’evoluzione dell’epidemia dovesse richiedere un cambio di passo, che significa misure ancora più stringenti. Covid impensierisce, riferimenti importanti spiegano che “nessuna misura viene esclusa dai ragionamenti”.

Lo scenario sta peggiorando, le previsioni sono tuttaltro che confortanti, gli scienziati sono preoccupati. Tutto dipenderà dal comportamento del virus, ma nel ministero della Salute e nel governo si sta ragionando su come fronteggiare una possibile ulteriore evoluzione negativa della situazione.

Il peggioramento è nei fatti, è già accaduto”, considera rispondendo ad HuffPost il professore Massimo Galli. La “situazione è grave” anche per i medici ospedalieri che attraverso il segretario nazionale del sindacato “Anaao Assomed”, Carlo Palermo, hanno consegnato “fortissima preoccupazione per la tenuta delle strutture ospedaliere”, chiedendo “un lockdown subito, di tre o quattro settimane, per arrivare ad aprile quando avremo molti più vaccini”. Sia per Galli che per Palermo il sistema dei colori non basta più a fermare l’avanzata del virus. Per il direttore del reparto di Malattie Infettive dellOspedale Saccodi Milano “il virus continua a condurre le danze e si è modificato quanto basta per rimanere efficiente nel diffondersi e mette in campo caratteristiche che ci mettono in forte crisi nel suo contenimento”. Per questo “non sorprendiamoci se ci dovessero essere dei cambiamenti rispetto alle misure disposte. In tempi brevi - sottolinea Galli - la diffusione del virus potrebbe richiedere modifiche alla strateg...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.