Italia markets close in 1 hour 5 minutes
  • FTSE MIB

    24.533,39
    -66,96 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    33.857,26
    +179,99 (+0,53%)
     
  • Nasdaq

    14.002,46
    +6,36 (+0,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    61,46
    +1,28 (+2,13%)
     
  • BTC-EUR

    52.878,84
    -23,80 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.355,52
    -20,25 (-1,47%)
     
  • Oro

    1.736,40
    -11,20 (-0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1959
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.147,65
    +6,06 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.979,02
    +12,03 (+0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8679
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1034
    +0,0037 (+0,34%)
     
  • EUR/CAD

    1,5003
    +0,0029 (+0,20%)
     

Pirelli, nuovo piano: attesi al 2025 ricavi tra 5,7-6,2 mld, pay out dividendi 50% utile 2021 e 2022

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Il consiglio di amministrazione di Pirelli ha approvato i risultati consolidati 2020 e il nuovo piano Industriale 2021-2022|2025. Un piano che prevede, come spiega il gruppo degli pneumatici, due fasi: la prima "al 2022 con il recupero dei valori pre-covid 2019" e la seconda di stabilizzazione in cui punta "al 2025 a diventare leader su specialties high value con un'elevata generazione di cassa". Entrando più nel dettaglio dei target finanziari, Pirelli si attende nel biennio 2021- 2022 ricavi tra 5,1-5,3 miliardi di euro, con un margine Ebit adjusted tra oltre il 16 e il 17%, un flusso di cassa netto pre-dividendi tra 420 e 460 milioni e una posizione finanziaria netta negativa tra 2,75 e 2,65 miliardi. A fine 2025 i ricavi sono invece attesi tra 5,7-6,2 miliardi, con un margine ebit adjusted tra il 19% e il 20% e un flusso di cassa netto pre-dividendi triennio 2023-2025 tra 1,7-1,9 miliardi. In base alle prospettive di generazione di cassa per il periodo 2020-2025, la politica dei dividendi approvata dal consiglio di amministrazione di Pirelli prevede un pay out di circa il 50% del risultato netto consolidato del 2021 e 2022, e un pay out del 40% dell’utile netto consolidato nel 2023 e 2024.