Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.226,69
    -516,13 (-1,49%)
     
  • Nasdaq

    13.380,45
    -21,41 (-0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    +0,0027 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    46.266,30
    -1.366,13 (-2,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.503,96
    +1.261,28 (+519,73%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.147,21
    -41,22 (-0,98%)
     

Pirlo: "Mi do un 6 di stima, potevo fare di più. Cuadrado out? Vi spiego perché. Rinnovo Dybala? Ci pensa il club"

Antonio Parrotto
·2 minuto per la lettura

La Juventus ha battuto il Genoa 3-1. Il tecnico dei bianconeri Andrea Pirlo è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare quanto accaduto quest'oggi all'Allianz Stadium tra i bianconeri e i rossoblù. Ecco le sue parole.

Come ha visto la gara? Ha temuto a inizio ripresa?

"Abbiamo fatto un buon approccio, sembrava tutto facile. Poi a fine primo tempo abbiamo subito questa occasione per mancanza di concentrazione, quando mancava un minuto alla fine, ci era capitato già in altre occasioni di prendere gol. Siamo entrati in campo volendo fare la partita ma ci siamo abbassati troppo. Abbiamo rischiato e poi abbiamo mancato alcune occasioni per fare ancora gol".

Chiellini e Ronaldo?

"Normale che ci teneva a far gol, soprattutto quando la partita si era massa in una certa maniera, sono cose normali. Con Giorgio invece parlavamo durante la partita, loro avevano cambiato modulo e stavamo anche pensando di cambiare modulo durante la gara".

Purtroppo sei capitato tu in questa annata in cui ogni tanto spegnete la luce: ti sembra sia così?

"Purtroppo è capitato in qualche partita dove abbiamo perso punti per strada, in partite che sembravano sulla carta più abbordabili. Oggi non è stato così, abbiamo fatto bene nel primo tempo, poi qualche disattenzione nella ripresa".

Andrea Pirlo | Jonathan Moscrop/Getty Images
Andrea Pirlo | Jonathan Moscrop/Getty Images

Ti senti sotto esame?

"Bisogna sentirsi ogni giorno sotto esame, se si vuole migliorare e perfezionarsi, è normale. Io sono alla prima esperienza, lavoro per questo. Ho una grande passione per il calcio, le difficoltà mi portano a lavorare ancora di più".

Che voto ti daresti sin qui?

"Mi do un 6 di stima perché potevo fare di più. Quando raggiungi certi risultati il principale responsabile è l'allenatore e devo continuare a fare meglio".

Il rinnovo di Dybala?

"Queste sono cose che riguardano la società. Io alleno campioni, Dybala è uno di questi e cerco di poterlo sfruttare al meglio. Quest'anno non lo abbiamo mai avuto a disposizione. Per le decisioni ci sono dirigenti apposta per questo".

Cuadrado fuori?

"Era già ammonito, aveva rischiato in un'occasione e abbiamo preferito cambiarlo".

Cosa vorresti vedere in questo finale per sentire più realizzata la tua idea di gioco?

"Quest'anno non siamo riusciti a interpretare una certa pressione in tante partite. Voglio continuare su questa idea di calcio che ho in testa, i giocatori sono a disposizione, dobbiamo continuare a fare sempre meglio".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.